BUONISSIMO
Seguici

Stampo furbo per crostate, cos'è e come funziona

Stampo furbo per crostate, cos'è e come funziona

Lo stampo furbo altro non è che uno stampo per crostate con una scanalatura sulla base, in modo da creare un incavo per la farcitura.

Una volta cotto l’impasto nello stampo, la crostata deve essere sfornata e capovolta. A questo punto si presenta con il bordo rialzato rispetto al centro ed è possibile riempirla con creme, cioccolato, confettura, frutta, ricotta ma anche con farciture salate volendo, in questo caso ben si presta un saporito ripieno al formaggio. Lo stampo furbo si presta dunque a essere usato per tutte quelle crostate che vanno farcite al centro.

Farcitura per crostate con stampo furbo

Marmellate

Volete qualche idea per farcire la vostra crostata fatto con lo stampo furbo? Una delle farcie più usate è la crema pasticcera. Per farla a regola d’arte vi serviranno: 4 tuorli, 100 gr di zucchero, 30 gr di farina, 1/2 litro di latte intero, 1/2 bacca di vaniglia o scorza grattugiata di 1 limone.

Altrettanto conosciuta è la crema chantilly, per prepararla vi basterà montare la panna da cucina con lo zucchero e l’aroma di vaniglia.

Mescolando la crema pasticcera con la crema chantilly otterrete la squisita crema diplomatica.

Se preferite qualcosa di di più fresco, preparate la crema al limone mescolando 4 uova e 100 gr di zucchero, poi fate cuocere in un pentolino e aggiungete 120 gr di burro e il succo di tre limoni.

Siete molto golosi? Farcite la crostata con la crema alle nocciole, preparata facendo cuocere in un pentolino 30 gr di nocciole tritate mescolate con 50 gr di zucchero, 60 gr di cioccolato e 40 gr d’acqua.

Frolla per crostate con stampo furbo

Quanto alla frolla, è ormai risaputo che miscelando sapientemente farina, uova, zucchero e burro si ottiene un composto friabile al punto giusto. Affinchè vi riesca perfetta ricordatevi di usare una farina non troppo tenace, la 00 è l’ideale. Il burro è meglio se è freddo di frigo, la temperatura della stanza in cui lavorate piuttosto fresca e dovrete usare le mani il meno possibile, altrimenti la pasta si scalderà troppo e risulterà difficile da stendere.

Le ricette del giorno