BUONISSIMO
Seguici

Torta di merluzzo

La torta di merluzzo è una ricetta finlandese che utilizza il grano saraceno come base per un impasto con burro sale e acqua. Con questa pasta formeremo due sfoglie che verranno farcite con il merluzzo e la pancetta e cotte in forno. Ecco i passaggi per la torta di merluzzo.

Torta di merluzzo VAI ALLA RICETTA PER IMMAGINI
  • DIFFICOLTÀ: BASSA
  • VINO: MORELLINO DI SCANSANO
  • DOSI: 4
  • CUCINA REGIONALE: -
  • TEMPO: 25 min di preparazione60 min di riposo40 min di cottura
  • COSTO: BASSO

Oppure ti potrebbero interessare

Ingredienti

  • Farina di grano 500 g
  • Merluzzo 500 g
  • Pancetta 250 g
  • Burro 90 g
  • Uova 1
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Preparazione

  1. Torta di merluzzo Dopo aver versato la farina di grano saraceno sulla spianatoia, disponetela a fontana, mettetevi al centro il burro ammorbidito, un pizzico di sale ed acqua sufficiente ad ottenere un'impasto morbido ed elastico.
  2. Torta di merluzzo Formate quindi una palla, avvolgetela con della pellicola e lasciatela riposare in un luogo fresco (anche in frigo) per circa 1 ora. Intanto tagliate il merluzzo e la pancetta a pezzetti.
  3. Torta di merluzzo Trascorso il tempo previsto, tirate la pasta con il matterello e ricavate due sfoglie sottili del diametro della teglia che intendete utilizzare per la cottura.
  4. Torta di merluzzo Imburrate la teglia, infarinatela e foderate quindi il fondo con una sfoglia di pasta, lasciando i bordi più alti. Versatevi poi il pesce e la pancetta, condite con qualche fiochetto di burro, sale e pepe e coprite con la seconda sfoglia.
  5. Torta di merluzzo Bagnate i bordi delle due sfoglie con dell'acqua e premeteli bene, in modo da saldarli. Spennellate infine la superficie della torta con l'uovo sbattuto e bucherellatela con i rebbi di una forchetta prima di metterla in forno a calore sostenuto e lasciatela cuocere per 40 minuti.

Consigli

Il grano saraceno è un cereale "particolare" e viene di diritto destinato ad usi alimentare importanti considerato che dal punto di vista nutrizionale non ha nulla da invidiare ai cereali veri e propri. In Italia la coltivazione è diffusa in alcune zone di montagna, specie in Sud Tirolo ed in Valtellina, dove viene impiegato per la produzione di polente e per realizzare i famosi "pizzoccheri".

VAI ALLA RICETTA PER IMMAGINI

Le ricette del giorno