BUONISSIMO
Seguici

Verdure, crude o cotte?

Mangiare quotidianamente verdure fa bene, questo è un dato di fatto confermato più volte da medici, nutrizionisti e dagli stessi consumatori. La domanda è: bisogna mangiarli crudi o cotti? Scopriamolo insieme.

 

  • Il giusto metodo

    Il giusto metodo

    Va ricordato che non esiste un metodo che possa essere sempre corretto da utilizzare, cuocere o meno le verdure infatti presenta i suoi pro ed i suoi contro. La cottura spesso fa perdere in misura anche importante le qualità organolettiche e nutritive delle verdure, ma in altri casi importanti elementi sono invece attivati o resi più assimilabili dal nostro organismo solo con la cottura, come le fibre o alcune vitamine.

  • Gli accorgimenti

    Gli accorgimenti

    Iniziamo ad adottare alcuni accorgimenti, decisamente validi e la cui efficacia è stata provata scientificamente: il primo è preservare la buccia delle nostre verdure. Come si sente spesso dire di quella della frutta, anche la buccia della verdura contiene importanti elementi che andrebbero persi eliminandola. Ricordate però di lavare sempre tutte le verdure (e la frutta) accuratamente.

  • Cottura delle verdure

    Cottura delle verdure

    Quando cuociamo la verdure in acqua, riduciamo le loro proprietà nutritive: infatti già a 60 °C la vitamina C comincia a disperdersi, e a 100 °C la maggior parte dei sali minerali si sciolgono nell’acqua. Un metodo per recuperare in qualche modo queste sostanze è quello di utilizzare l’acqua di cottura nella preparazione della pasta o del riso, che in questo modo assorbirebbero con l'acqua gran parte di ciò che le verdure hanno rilasciato.

  • Minestroni e zuppe

    Minestroni e zuppe

    Una buona soluzione per non perdere le sostanze nutritive più importanti è mangiare le verdure sotto forma di minestrone o zuppe, in quanto l’acqua di cottura diventa anch’essa un alimento. Il metodo di cottura migliore resta senza dubbio il vapore: in questo modo il deperimento delle sostanze nutritive è minimo, e le verdure mantengono gusto e croccantezza.

  • L'aglio

    L'aglio

    Ecco qualche pratico spunto da tenere a mente per la vostra salute. L’aglio andrebbe consumato crudo per mantenere attiva l’allicina, una componente molto importante per le sue proprietà antibatteriche e antiossidanti, oltre che protettive dei vasi sanguigni.

Le ricette del giorno