BUONISSIMO
Seguici

Pizza, ecco in cosa è stata trasformata

La pizza è uno degli alimenti più consumati ogni giorno in tutto il mondo con un giro di affari annuo stimato in più di 60 miliardi di euro. Ma non sono certo solo i dati statistici a confermarcelo: la pizza è uno degli alimenti più conosciuti e apprezzati dell'intero globo. 

  • L'Italia, o meglio la Campania, rivendica l’invenzione di questo prodotto che si è diffuso rapidamente in tutto il territorio con variazioni di stile spesso significative fra regione e regione, variazioni che però si traggono origine sempre dalla vera ricetta napoletana. Ma quante piccole (o anche enormi!) varianti ha subito la nostra povera pizza in giro per il mondo?

  • In Italia siamo abituati a considerare la pizza come un piatto a sé, complementare nei suoi vari gusti alle tradizioni gastronomiche regionali. All’estero invece la pizza si trasforma frequentemente in un contenitore neutro sul quale abbinare prodotti anche molto diversi fra loro: l’unico limite è dato da fantasia e dal gusto personale; una vera e propria reinterpretazione, a volte assolutamente radicale, della pizza.

  • Lo stile statunitense si frammenta in varianti cittadine più o meno conosciute. Ogni stile ha il proprio nome: New York style, Californian style fino ad arrivare alle celebre Deep dish o Chicago style, una pizza che sembra una crostata, con tanto di bordo rigido, e che viene cotta in teglia. Uno dei condimenti preferiti dagli americani è rcostituito dalla classica e gettonatissima pepperoni, un nome che inganna visto che si tratta di un particolare tipo di salame piccante di dubbia origine italiana. Le salse abbondano, ma del resto ce lo saremmo aspettato, tenendo fede all'american style.

  • Spostandoci in Sud America, il Brasile vanta il primato per numero di pizzerie, diffusissime nelle grandi città. Lo stile brasiliano prevede una pizza abbastanza sottile con bordo pronunciato e una buona varietà di condimenti, a volte anche abbastanza arditi: il manzo alla Stroganoff è tra quelli più popolari. Nel campo dei formaggi non si può non citare il catupiry, formaggio cremoso parecchio utilizzato nella cucina locale e spesso aggiunto anche alla pizza.

  • Il Giappone curiosamente è la nazione orientale che più si attiene alla tradizione italiana: le pizzerie napoletane sono molto diffuse e non è per niente raro trovare pizze che non hanno nulla da invidiare alle sorelle partenopee. Al di fuori di questo limbo italiano, le pizze servite nei locali sono piccole ed estrose, con il mais che regna sovrano tra i condimenti e che spesso è fornito come extra.

Le ricette del giorno