BUONISSIMO
Seguici

Quante panature!

Un metodo facile, veloce e senz’altro efficace per rendere sfiziosi gli alimenti è la panatura, che con un pò di fantasia si può fare in tantissime varianti; a seguire la cottura, che può avvenire al forno oppure in padella, scopriamo le varie tipologie.

  • L’impanatura alla palermitana, spesso usata per le cotolette, è insaporita da caciocavallo grattugiato e un trito di capperi, olive nere, aglio e prezzemolo. La carne unta con l’olio extravergine viene passata in questo miscuglio accattivante e fritta, oppure cotta la forno per stare leggeri.

     

  • Le mandorle sono un altro ingrediente tipicamente siciliano che potete aggiungere alla panatura alla palermitana oppure utilizzare da sole. Basta infatti tritare le mandorle, per rendere croccanti cotolette, polpette, pesce. Se non avete tempo per tritare e pestare le mandorle esiste la farina di mandorla.

  • Perché non con i pistacchi? Passando al mixer i pistacchi e il pane aggiungete a piacere del formaggio, pecorino o grana. Passate la carne o il pesce nelle uova sbattute o nell’olio extravergine e poi nella panatura che avete preparato. Decisamente da provare cosi impanati la carne d’agnello e un buon filetto di salmone!

  • Anche le nocciole sono molto sfiziose, abbinatele alla carne di maiale che si presta bene a questa panatura dal sapore intenso e profumato. Tostatele appena nel forno e tritatele con un coltello o nel mixer, ma non polverizzatele per mantenere la croccantezza.

  • Rimanendo in tema frutta secca ci sono anche le noci; ottime insieme al pangrattato, il parmigiano grattugiato e un pizzico di pepe macinato fresco. Un consiglio: tritate le noci in modo grossolano, perché in questo modo il vostro piatto sarà più rustico e saporito.

Le ricette del giorno