BUONISSIMO
Seguici

Il galateo a tavola

A chi non è capitato di essere rimproverato a tavola in nome delle “buone maniere”? I famosi gomiti sul tavolo, o mangiare facendo troppo rumore con la bocca. Si sa, anche la tavola nasconde il pericolo di fare brutta figura, ma per evitarle bastano semplici regole.

  • Il consueto “buon appetito” è sbagliato secondo il galateo della tavola. Per gli aristocratici, infatti, la tavola era un'occasione per conversare e intrattenere rapporti sociali. Il cibo era solo un contorno piacevole alla conversazione. La nobiltà non arrivava mai affamata ad una tavola formale. Ecco perché augurare buon appetito è scorretto. L'inizio del pasto dovrebbe avvenire in silenzio e con disinvoltura, seguendo il padrone o la padrona di casa.

  • Un’altra consuetudine sbagliata è quella di dire “cin cin” al tempo del brindisi. Il galateo vuole che i calici vengano alzati con un piccolo e discreto cenno. Se qualcuno vuole fare un augurio che sia almeno sincero e motivato.

  • E se le pietanze hanno poco sapore? Purtroppo non possiamo aggiustarle con il sale; questo infatti era la moneta dell'antichità. Chiedere il sale, se non presente sulla tavola, è un gesto scorretto: la richiesta è un'affermazione velata che non apprezziamo il cibo offerto. Inoltre, essendo una volta indice di ricchezza, avrebbe potuto mettere a disagio la padrona di casa nel caso lo avesse finito.

  • Strana regola è quella relativa all’uso del coltello: guai ad usare il coltello per formaggio e uova! Questi due alimenti devono essere tagliati con la forchetta dal momento che il coltello deve essere utilizzato solo per tagliare ciò che con la forchetta non si riesce ad aprire o rompere.

  • Un altro alimento dove non bisogna utilizzare il coltello è il pane. Questo, forse anche per la tradizione religiosa, va spezzato con le mani in piccoli pezzi sul piattino da pane posto alla destra del piatto, senza riempire di briciole la tavola.

Le ricette del giorno