BUONISSIMO
Seguici

Pasta: al dente o ben cotta?

Si sa, noi italiani siamo i primi in classifica nel consumo settimanale di pasta, ne abbiamo creati diversissimi tipi e con i più svariati abbinamenti, ma prima di condire la nostra pasta con un buon sugo scopriamo qual è il punto di cottura ottimale.

  • Sarà capitato a tutti di andare a mangiare a casa di amici o anche al ristorante e imbattersi in una pasta non gradita non tanto per il suo condimento quanto per la sua cottura, infatti il gusto e la preferenza sulla cottura della pasta sono estremamente soggettive, o a causa di tradizioni territoriali o per un vero e proprio gusto personale.

  • Affrontando ora in maniera oggettiva il tema della cottura dobbiamo innanzitutto dire che la pasta non deve essere né troppo cotta, né troppo cruda, deve essere cotta al punto giusto, questo perché il tempo di cottura ottimale è un fattore fondamentale per la digestione dell’alimento.

  • Se la pasta, specialmente quella confezionata con semola di grano duro, è cotta per un tempo inferiore all'ottimale, la parte più interna resta cruda e i succhi digestivi non riescono ad attaccare facilmente l'amido poco idratato, e questo rende la digestione più lunga, più complessa, e con un maggiore dispendio di energie da parte dell’organismo oppure ancor peggio col rischio che la pasta stessa resti indigesta.

  • Se viceversa è cotta troppo a lungo diventa tenera scivolosa e molle a tal punto che tende a non essere masticata, proprio quando la masticazione è un elemento chiave nella digestione degli amidi complessi: è nella bocca infatti che già cominciano ad agire gli enzimi contenuti nella saliva sul cibo triturato dai denti. La pasta scotta passa rapidamente nel tubo digerente dove tende a formare un impasto colloso che non solo è difficile da digerire, ma rende più difficoltoso il transito intestinale con conseguenti episodi di stitichezza e dolori addominali.

  • Si può dunque affermare che la pasta migliore, intesa come pasta più salutare e digeribile, sia quella al dente, dove con il termine “al dente” non ci riferiamo però a una pasta cruda o poco cotta bensì a una pasta cotta secondo i tempi di cottura indicati sulle confezioni che teoricamente sono i tempi di cottura ottimali proprio per una corretta digestione.

Le ricette del giorno