BUONISSIMO
Seguici

Luce accesa di notte, si ingrassa

Lasciare accesa di notte la luce si rivela un fattore di obesità per coloro che seguono questa abitudine. Scopriamone le ragioni.
 

  • Ricerca scientifica

    Ricerca scientifica

    Le ricerche scientifiche hanno determinato che una parte dell'insuccesso di una dieta è dovuta ad un'errata abitudine che molti adottano: dormire con una luce accesa.

  • Istituto Ricerca Cancro

    Istituto Ricerca Cancro

    L'Istituto di Ricerca sul cancro di Londra ha infatti effettuato una serie di test su ben 113mila donne, analizzando le loro abitudini notturne relativamente appunto al dormire con una luce accesa, e i risultati sono stati decisamente "interessanti".

  • Gli indicatori

    Gli indicatori

    I ricercatori hanno indagato valutando la quantità di luce in camera da letto di notte, successivamente sono stati esaminati una serie di parametri quali l'indice di massa corporeo, il rapporto vita-fianchi e altri indici di obesità, e tutti questi valori sono risultati maggiori, e quindi indicatori di una maggiore obesità, nelle donne le cui camere da letto erano maggiormente illuminate.

  • La ricerca

    La ricerca

    Il prof. Anthony Swerdlow, dell’Institute of Cancer Research, che ha guidato questa ricerca, ha potuto quindi stabilire l'effettiva presenza di un rapporto diretto tra l'obesità e l'illuminazione notturna della camera da letto, tanto maggiore la seconda, altrettanto maggiore la prima, un elemento che annulla gran parte dei sacrifici che si fanno seguendo una dieta.

  • La illuminazione

    La illuminazione

    Attenzione che quando si parla di luce non si intende solo una lampada da comodino, ma anche i led che restano accesi illuminano sufficientemente una camera, per non parlare poi dell'illuminazione stradale che filtra attraverso le tapparelle socchiuse, in particolare in estate.

Le ricette del giorno