Questo sito contribuisce alla audience di

Il Carnevale anima Civita Castellana

Informazioni

  • Data di apertura 19.02.2017
  • Data di chiusura 28.02.2017
  • Località Civita Castellana
  • Regione Lazio
  • Provincia Viterbo
  • Contatti Info: tel.: 340 8505381 - info@fuoriporta.org

“O’ Puccio” è lì, in Piazza Matteotti, e si gode i suoi momenti di gloria. Simbolo e grande protagonista del Carnevale Civitonico, è una spettacolare opera di cartapesta realizzata dalla Pro Loco locale in collaborazione con gli artisti Groupe in art’è: alto circa tre metri, è ispirato quest’anno alla banda folcloristica di Civita Castellana, La Rustica, con la classica divisa rosso blu e gli strumenti musicali più inconsueti. E’ intorno a questa affascinante figura che prende vita il Carnevale Civitonico, uno dei più intensi e spettacolari del Viterbese e del Lazio intero; le radici di questa tradizione affondano in un passato antichissimo che risale addirittura alla civiltà falisca, di cui la cittadina della Tuscia ne è stata la capitale. Uno spettacolo reso unico dalle sfilate dei carri allegorici, in programma il 19, 26 e 28 febbraio: un lungo e variopinto serpentone con oltre 200 figuranti attraverserà le vie del centro storico, mettendo in mostra nel percorso di 2 chilometri splendidi costumi e carri frutto di mesi e mesi di duro lavoro; “scortato” da due ali di folla, regalerà ai visitatori goliardate, musiche e balli a volontà accompagnato da La Rustica, la strampalata banda folkloristica fondata da un gruppo di buontemponi nel 1956, che trasforma in strumenti musicali gli oggetti più inusuali. Il gran finale della festa è in programma martedì 28 febbraio: dopo le premiazioni dei vincitori la cerimonia del fuoco, così come ha aperto i festeggiamenti, lì chiuderà e metterà la parola fine al Carnevale 2017 con lo spettacolare rogo del Puccio. Divertimento e allegria assicurati, dunque, ma non solo: a Civita Castellana il Carnevale si festeggia anche a tavola, all’insegna delle ricette tradizionali tipiche di questo periodo dell’anno; è il caso dei “frittelloni”, delle sfogliatine sottilissime condite con pecorino e pepe, e degli scroccafusi, castagnole di pasta dolce fritte e condite con il miele; e ancora delle castagnole, delle frappe e delle strisce di pasta dolce fritte nell’olio bollente. E così, tra una sfilata e una degustazione, i visitatori potranno andare anche alla scoperta di Civita Castellana e dei suoi gioielli, testimonianza viva di un passato glorioso. A partire dal Museo nazionale dell’Agro Falisco, ospitato all’interno del Forte Sangallo che costituisce una delle più elevate realizzazioni dell’architettura militare dello Stato Pontificio nel XVI secolo; oltre al Duomo e al Museo della Ceramica, gli amanti della natura non potranno che restare a bocca aperta davanti alle caratteristiche forre alte oltre 50 metri che circondano Civita Castellana, visitabili dal ponte che congiunge al centro storico della cittadina.

Trova la sagra più vicina a te

Scegli una o più regioni, poi seleziona il periodo desiderato.

1) Clicca sulla regione

Per segnalare un evento nel tuo territorio:

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno