​Alito cattivo? Ecco cosa non dovete assolutamente mangiare

L'alito cativo e gli alimenti che possono generarlo. Scopriamo quali sono.

​Alito cattivo? Ecco cosa non dovete assolutamente mangiare


L’alito cattivo è indubbiamente fonte di imbarazzo e di disagio personale.
E’ appurato che soffrire di alitosi genera problemi di socialità e di convivenza che spesso impediscono anche un avanzamento professionale o semplicemente una vita più serena.
Da sempre sappiamo che alcuni alimenti sono sicuramente portatori di questo inconveniente, ci riferiamo particolarmente alle cipolle o all’aglio.
Ma sono diversi altri gli alimenti che, a sorpresa, possono generale alito cattivo.

In ufficio per esempio è classico fare una o più pause caffè al giorno. Bene, sappiate che il caffè rallenta la produzione di saliva che ha il compito di tenere pulita la bocca dai batteri.
Ecco perché potrebbe essere magari utile portarsi in ufficio uno spazzolino e di portarti sempre con se una bottiglietta di acqua.
Sempre in tema di liquidi parrà incredibile ma anche il vino riduce la produzione di saliva ed è causa di disidratazione. Se ama poi pasteggiare con del vino rosso sappiate che il risultato sarà ancora più accentuato e potrà provocare la comparsa di germi nei denti. Anche in questo caso è buona norma reidratarsi con dell’acqua.

Spesso inoltre il vino è la compagna di una buona bistecca. 
Anche le bistecche sono, anche queste sicuramente a sorpresa, tra i cibi in grado di provocare l’alitosi.
L’abbinata vino e bistecca risulterà quindi ancora più problematica e anche in questo caso una buona bottiglietta di acqua potrà lenire la problematica.
E se poi siamo anche amanti di salse ricordiamoci che molto spesso sono prodotte con aglio e cipolla che sono i classici alimenti da tutti conosciuti come produttori di alitosi.
Una controllata accurata alla lista degli ingredienti potrà prevenire ulteriore disagio.
E, naturalmente, evitiamo di utilizzarle in occasioni formali.

I prodotti caseari infine sono l’ultima categoria di alimenti a cui prestare attenzione, ma solo in ordine di degustazione.
Infatti il formaggio è anch’esso tra gli alimenti a cui occorre prestare particolare attenzione poiché ogni volta che mangiamo un boccone gli aminoacidi contenuti, una volta entrati a contatto con i batteri presenti nella nostra bocca, creano i solforati volatili con lo spiacevole risultato di offrire un fastidioso odore di uova marce.
Se poi siete fra coloro che hanno qualche intolleranza al lattosio sappiate che questo renderà ancora più evidente tale cattivo odore.

 

Contenuti sponsorizzati

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno