Abbinare il vino alla selvaggina

In autunno è facile trovare nelle trattorie dei piatti di selvaggina, una carne dal sapore deciso a cui occorre abbinare un vino altrettanto deciso e dalla buona struttura.

Abbinare il vino alla selvaggina


Già partendo dal colore del vino possiamo darci una prima idea di quale sarà il corretto vino ma indubbiamente occorrerà abbinarlo in base alla tipologia di selvaggina, le dimensioni e se parliamo di un tipo di selvaggina da penna o da pelo.
Ci sono delle variazioni anche nel caso preferiate un vino bianco rispetto al classico rosso che probabilmente potrebbe essere la nostra prima scelta.

Pariamo da anatra ed oca, tra le principali protagoniste in tema di selvaggina. In questo caso, trovandosi con carni grasse accostiamo un vino che sia in grado di renderle un poco più leggere come un Chianti Riserva o ancora un Brunello di Montalcino.
Qualora siate invece in possesso di coniglio selvatico o lepre, essendo carni più tenere, fare l’esatto contrario con dei vini robusti mentre per daino e cervo, il cui sapore è molto profumato, proviamo a pensare ad un accostamento con un Barolo.
Se invece intendete destare un piatto di selvaggina da pelo potrete pensare ad un Vino Nobile di Montepulciano mentre se abbiamo occasione di degustare un piatto di selvaggina piuttosto grossa come il cinghiale o il capriolo preparate in versione arrosto possiamo pensare anche ad un Sassicaia.

La selvaggina da penna ha invece un buon accostamento con vini rossi decisi come il Brunello, il Duca Enrico a ancora un Chianti Riserva.
La beccaccia possiamo generalmente sposare ad un Barolo mentre il fagiano è ideale con un Rosso di Montalcino od un Aglianico del Vulture.
Se vogliamo provare la selvaggina frollata possiamo pensare anche ad un Chardonnay, vino dal colore paglierino che può raggiungere in base al tempo di fermentazione il giallo dorato. Essendo un vino duttile potrà essere sposato proprio con selvaggina frollata ma in tal caso, in modo da favorire l’ossigenazione, stappiamo circa 30 minuti prima la bottiglia e serviamola a 10°.
La selvaggina acquatica infine è preferibile con un rosso come il Rosso Carmignano o anche il Lagrein Dunkel.

Un veloce capitolo  sui piccioni che possiamo abbinare con un classico piemontese come il Gattinara mentre le pernici ben si adattano con un Aglianico del Taburno ed infine le quaglie che possiamo abbinare con un vino tipico del Trentino come il Teroldego Rotaliano.

 

Contenuti sponsorizzati

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno