​La cottura del pesce al cartoccio

La cottura al cartoccio ha diversi pregi tra i quali la conservazione del sapore.

​La cottura del pesce al cartoccio

Tipico del periodo estivo, la cottura al cartoccio ha diversi pregi tra i quali la conservazione del sapore.
Possiamo cucinare in questa modalità praticamente tutti il pesce ad eccezione di quello azzurro ma nel caso preferiate lasciarlo intero sarà preferibile preparare pesci piuttosto tondeggianti rispetto alla lunghezza.
La cottura avverrà naturalmente in forno e avvolgendolo in un foglio di alluminio. 
Il pesce dovrà essere, prima della cottura, ben lavato e pulito, idoneo quindi per essere degustato immediatamente una volta pronto.

Si procederà quindi ponendo delicatamente il pesce nel foglio di alluminio con diversi aromi secondo gusto come basilico,timo, rosmarino, salvia, e cosi via.
Una volta terminata la scelta di spezie ed erbe aromatiche si aggiusterà di sale e pepe, bagneremo con dell’olio e chiuderemo in maniera quanto più possibile ermetica, senza danneggiare il pesce, il cartoccio.
Se preferite una cottura più leggera potrete evitare di unirvi spezie ed erbe aromatiche ma in tal caso dovrete ricordare di non rimuovere la pelle del pesce per evitare che il pesce si attacchi al cartoccio durante la cottura.

I tempi di cottura sono piuttosto brevi per cui se intendete unirvi delle salse o dei sughetti verificate che il tempo necessario sia sufficiente per completare la cottura.
Il forno dovrà essere sempre già ben caldo prima di inserirvi il nostro cartoccio, a 220° e come tempistica generale considerate che ogni kg di pesce necessità di mezzora per considerarsi pronto.
Al termine della cottura aprite il cartoccio e servite il pesce direttamente nella carta alluminio della cottura.

 

Contenuti sponsorizzati

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno