Questo sito contribuisce alla audience di

I vini DOC di Verona nel Veneto

Nella provincia di Verona ci sono importanti zone vocate alla produzione di vini di qualità. Si  producono vini DOC bianchi e vini DOC rossi conosciuti in tutto il mondo come il Soave e il Lugana tra i vini bianchi e l’Amarone e il Bardolino tra i vini rossi.

I vini DOC di Verona nel Veneto

Verona è la città di Romeo e Giulietta, gli innamorati per definizione, la fama dell’opera ha dato spunto a diverse città straniere per chiamarsi appunto Verona, ma è anche la città dell’Arena, luogo in passato di lotte tra gladiatori e di corride coi tori, oggi tempio di eventi importanti nel campo dello spettacolo.

Ennesima tra le città italiane ad essere inserita nel novero di patrimonio dell’umanità da parte dell’UNESCO per la sua struttura urbanistica e architetturale.
Viene ricordata anche per l’importante fiera enologica di respiro internazionale che si tiene nel mese di aprile, il famoso Vinitaly.

Il clima di Verona è di tipo continentale con estati decisamente calde ed inverni con temperature basse, l’umidità è una costante della zona e determina la formazione di nebbie.

Vitigni e vini

Nella provincia di Verona vengono prodotte cinque DOCG e ben quattordici delle DOC regionali.

La prima DOCG è il famoso rosso Amarone della Valpolicella, presente dal 1968 come DOC e diventata DOCG nel 2010, prodotta con i vitigni Corvina, Corvinone e Rondinella, prevede le due sottozone Classico e Valpantena che danno il nome alle varianti con l’eventuale tipologia riserva.

Altro rosso è la DOCG Bardolino Superiore, presente dal 1968 come DOC e diventata DOCG nel 2001, prodotta con i vitigni Corvina, Corvinone, Rondinella e Molinara, prevede la sottozona Classico.

Altra DOCG, sempre rosso, è il Recioto della Valpolicella, presente dal 1968 come DOC e diventata DOCG nel 2010, prodotta con i vitigni Corvina, Corvinone e Rondinella, prevede le due sottozone Classico e Valpantena che danno il nome alle varianti con l’eventuale tipologia spumante per la valpantena.

Altra DOCG, questa volta un bianco, è il Recioto di Soave, presente dal 1968 come DOC e diventata DOCG nel 1998, prodotta con i vitigni Garganega e Trebbiano di Soave, prevede le varianti classico e spumante.

Ultima DOCG, sempre un bianco, il Soave Superiore, presente dal 1968 come DOC e diventata DOCG nel 2001, prodotta con i vitigni Garganega e Trebbiano di Soave, prevede le varianti classico e riserva.

La prima DOC della provincia scaligera è l’Arcole, prodotta con i vitigni Garganega, Merlot, Pinot bianco, Pinot grigio, Chardonnay, Sauvignon, Carmenère, Cabernet sauvignon e Cabernet franc, prevede le varianti bianco, anche nelle tipologie passito, frizzante e spumante, rosso, rosato, entrambe anche nelle tipologie frizzante e spumante, garganega, anche in tipologia vendemmia tardiva, nero oltre a quelle del vitigno di produzione, per la chardonnay anche in tipologia frizzante. La DOC viene prodotta anche in provincia di Vicenza.

Con i vitigni Corvina, Corvinone, Rondinella e Molinara viene prodotta la DOC Bardolino, un rosso presente dal 1968, prevede le varianti classico, chiaretto, classico chiaretto, chiaretto spumante, novello e classico novello.

Altra DOC, questa volta un bianco, è il Bianco di Custoza o Custoza, prodotta con i vitigni Trebbiano toscano, Garganega, Tocai Friulano, Cortese, Malvasia bianca lunga, Riesling italico, Pinot bianco, Chardonnay e Manzoni bianco, prevede le varianti superiore, passito e spumante.

Con i vitigni Garganega, Pinot bianco, Pinot grigio, Chardonnay, Tocai rosso, Rielsing renano, Riesling italico, Cortese, Sauvignon, Cabernet franc, Cabernet sauvignon, Carmenère, Merlot, Pinot nero, Marzemino, Corvina, Barbera, Sangiovese, Groppello di Mocasina, Groppello di Santo Stefano e Groppello gentile viene prodotta la DOC Garda, prevede le varianti classico oltre a quelle del vitigno di produzione, in particolare per la zona di Verona il vitigno Tocai, denominato Tai dopo la controversia con l’Ungheria. La DOC viene prodotta anche nelle province lombarde di Brescia e Mantova.

La recente DOC, risale al 2011, Lessini Durello viene prodotta con i vitigni Durella, Garganega, Pinot bianco, Chardonnay e Pinot nero, prevede la variante spumante, anche in tipologia riserva. La DOC è prodotta anche in provincia di Vicenza.

Altro bianco è la DOC Lugana, viene prodotta con il vitigno Trebbiano di Soave e prevede le varianti superiore, riserva, vendemmia tardiva e spumante. La DOC viene prodotta anche nelle provincia lombarda di Brescia.

La DOC Merlara viene prodotta con i vitigni Tocai friulano, Malvasia bianca lunga, Chardonnay, Pinot grigio, Pinot bianco, Riesling italico, Riesling renano, Merlot, Cabernet franc, Cabernet sauvignon, Refosco dal peduncolo rosso, Raboso Piave, Raboso veronese e Marzemino, prevede le varianti bianco, chardonnay, entrambe anche in tipologia frizzante, rosso, anche in tipologia novello, tai, malvasia, pinot grigio, pinot bianco, riesling, merlot, cabernet, cabernet sauvignon, refosco dal peduncolo rosso, raboso e marzemino frizzante. La DOC viene prodotta anche in provincia di Padova.

Con i vitigni Durella, Garganega, Pinot bianco, Chardonnay, Pinot nero, Pinot grigio e Sauvignon viene prodotta la DOC Monti Lessini, prevede le varianti bianco, pinot nero, durello, quest’ultima anche in tipologia passito. La DOC è prodotta anche in provincia di Vicenza.

La DOC San Martino della Battaglia viene prodotta con il vitigno Tocai friulano, è un bianco che prevede anche la tipologia liquoroso. La DOC viene prodotta anche nelle provincia lombarda di Brescia.

Un classico veronese è la DOC Soave, un bianco prodotto con i vitigni Garganega, Trebbiano di Soave e Chardonnay, prevede le due sottozone Colli Scaligeri e Classico e la variante spumante.

La DOC Valdadige viene prodotta con i vitigni Pinot bianco, Pinot grigio, Riesling italico, Müller-Thurgau, Chardonnay, Lambrusco a foglia frastagliata, Merlot, Pinot nero, Lagrein, Teroldego, Cabernet franc, Cabernet sauvignon, Schiava grossa, Schiava gentile e Schiava grigia, prevede le varianti bianco, rosso, rosato, pinot grigio, pinot bianco, chardonnay, schiava e frizzante. La DOC viene prodotta anche nelle province trentine di Bolzano e Trento.

Altra DOC della provincia di Verona è il Valdadige Terra dei Forti, prodotto con i vitigni Lambrusco a foglia frastagliata, Casetta e Pinot grigio, prevede le varianti enantio (altro nome del Lambrusco a foglia frastagliata), casetta, tutte e due anche in tipologia riserva, pinot grigio, anche in tipologia superiore. La DOC viene prodotta anche in provincia di Trento.

Con i vitigni Corvina, Corvinone e Rondinella viene prodotta un’altra famosa DOC veronese, il rosso Valpolicella che prevede le due sottozone Classico e Valpantena che danno il nome alle varianti con l’eventuale tipologia superiore.

Sempre con i vitigni Corvina, Corvinone e Rondinella viene prodotta la DOC Valpolicella Ripasso, un rosso che prevede le due sottozone Classico e Valpantena che danno il nome alle varianti con l’eventuale tipologia superiore.

Ultima DOC della provincia di Verona è un altro bianco, il Vigneti della Serenissima o Serenissima, prodotto con i vitigni Chardonnay, Pinot bianco e Pinot nero, è presente nelle varianti rosè, millesimato e riserva. La DOC viene prodotta anche nelle province di Belluno, Padova, Treviso e Vicenza.

ACCEDI AI VINI DOC DEL VENETO


 

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno