Aromi, ma quanto sono naturali?

Aromi, ma quanto sono naturali? Per rendere più invitanti gli alimenti spesso le industrie ricorrono ad aromi più o meno naturali. 

Aromi, ma quanto sono naturali?

Quante volte nell'aprire una confezione di lamponi siamo rimasti colpiti dall'aroma intenso e convincente di questi frutti di bosco?
Beh, sappiate che l'aroma probabilmenteè stato ricavato da un albero di cedro ...

E quel profumo irresistibile delle fragole?
Solo estratto di segatura...

Impiegati per stimolare l'appetito e per dare gusto agli alimenti, gli aromi vengono in pratica utilizzati per ogni alimento industriale che acquistiamo, alimenti che perdono molto dell'aroma originale in virtù delle lavorazioni che subiscono o per la particolare conservazione.

Quando si legge su una confezione che sono stati utilizzati "aromi naturali", questo implica soltanto che tali profumi sono stati ricavati solo da fonti vegetali oppure animali, ma ben difficilmente dall'alimento che stiamo acquistando.
Per essere certi che l'aroma sia stato ricavato proprio da ciò che è contenuto nella confezione dovremmo leggere la dicitura: "aroma naturale di ..." con la specificazione del prodotto dal quale è stato ricavato.

La semplice scritta: "aromi" lascia libertà di utilizzare molecole artificiali il cui odore è simile a quello del prodotto da acquistare come la vanillina sostituisce spesso l'aroma della vaniglia, ben più costosa.

Fortunatamente, a parte il rischio di qualche allergia in soggetti predisposti, nessuno degli aromi utilizzati nell'industria alimentare è risultato nocivo all'esame dell'Efsa, l'autorità europea preposta al controllo della sicurezza alimentare.

Il rischio che si corre è che l'utilizzo smodato che si è fatto degli aromi negli ultimi 20 anni ha indebolito le nostre capacità gustative, per cui la soglia di percezione dell'amaro e del salato è praticamente raddoppiata, mentre quella relativa ai dolci è aumentata di circa 1/3. Ciò comporta un aumento della quantità di sale o di zucchero che viene utilizzata, con conseguenti rischi per il nostro organismo quali ritenzione idrica, indurimento delle pareti delle arterie e obesità.

Spiccano in questo quadro i prodotti biologici, per i quali sono ammessi solo aromi naturali, ma alcune aziende bio non utilizzano nemmeno questi aromi, come nel caso di alcuni yogurt naturali ai quali viene unita solo frutta fresca.

Contenuti sponsorizzati

Iscriviti alla newsletter!