Questo sito contribuisce alla audience di

Margarina, caratteristiche e ricette

La margarina è un'emulsione di grassi, le nuove varietà di margarine fortificate, con effetti positivi sul nostro colesterolo e sul sistema cardiovascolare, si rivelano a volte preziose per abbassare i livelli di colesterolo cattivo. Conosciamo meglio la margarina.

Margarina, caratteristiche e ricette

Margarina, caratteristiche e ricette, visualizza tutte le ricette (1)



La margarina è un'emulsione di acqua e grassi alimentari di origine animale e vegetale, e contiene solitamente olio di arachide, di germe di mais, di vinaccioli, di soia ed altri ancora. Quelle disponibili nei banchi dei supermercati sono solo a base vegetale, mentre quelle con grassi animali, dette oleomargarine, sono utilizzate solo nell'industria, in particolare quella dolciaria.
Poichè sappiamo che i grassi sono insolubili nell'acqua, per fare la margarina si ricorre all'idrogenazione che crea dei legami atomici tra le molecole di acqua e quelle dei grassi, questa lavorazione viene eseguita a caldo e il successivo raffreddamento ci restituirà un composto di consistenza solida.

Non vi sono indici specifici sulle sostanze consentite nella margarina, i controlli vengono effettuati solo per verificare i requisiti legali, e cioè l'acidità libera, la sostanza grassa e l'assenza di grassi di origine animale e oli di origine minerale.

Le nuove tecnologie hanno consentito non solo la produzione di margarine prive di acidi grassi idrogenati ma anche margarine "fortificate" con steroli vegetali ed omega 3, oltre che arricchite con vitamina D, tutti fattori che contribuiscono in maniera rilevante alla riduzione del rischio cardiovascolare.

L'efficacia di queste nuove margarine sul nostro benessere è stata verificata dall'Università del Canada, e pubblicata sul Journal of American Medical Association, che ha testato su una serie di pazienti l'aggiunta alla normale dieta di particolari alimenti, tra i quali le margarine fortificate, riscontrando una diminuizione del colesterolo LDL del 13% contro il 3% dei pazienti che si sono limitati a seguire una normale dieta a basso contenuto di grassi.


 

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno