I segreti del tè perfetto

Come non scegliere a caso la propria bustina e preparare un tè in perfetto stile british

I segreti del tè perfetto

Perfetto per risvegliarsi dal torpore mattutino, per una pausa relax durante il lavoro o da sorseggiare con gli amici accompagnato da golosi pasticcini in un pomeriggio invernale, il è la seconda bevanda più consumata al mondo dopo l'acqua.

Ne esistono infinite varietà: verde, nero, bianco, giallo, ai fiori, ai frutti, alle erbe, Oolong o Wu Long. A seconda delle diverse esigenze e dei vari momenti della giornata si può scegliere di consumare un tè diverso: ad esempio, per rilassarsi dopo cena si può optare per un delicato e leggero tè al gelsomino, per combattere la ritenzione idrica e perdere peso, invece, è ottimo il tè verde giapponese.

Alcuni preferiscono acquistare il tè sfuso direttamente in erboristeria, ma la modalità di consumo più diffusa e pratica è il tè in bustina. Ma quali sono le caratteristiche di un buon tè in sachet? Per riconoscere "una bustina di qualità" è importante far caso a due fattori: il materiale con cui è prodotta, e, naturalmente, la qualità del contenuto.

Le bustine

Nel caso la bustina sia di carta, è più facile che venga intaccata da umidità e aria, compromettendo anche la conservazione del migliore dei tè. Meglio optare quindi per confezioni di tè contenenti bustine di nuova generazione, fabbricate con un tessuto trasparente e biodegradabile.

Il tè

C'è da fare una premessa: la qualità del tè diminuisce sempre più man mano che la foglia viene rotta in pezzi più piccoli. Nel passaggio di rottura, infatti, quest'ultima perde molte proprietà e aromi.

Spesso le foglie di tè contenute nelle bustine vengono ridotte in pezzi piccolissimi (Fanning) fino ad essere ridotte in polvere (Dust), in questi casi la differenza con la stessa qualità di tè a foglia intera è evidente: il gusto è più forte, astringente e meno aromatico. Oggigiorno però i marchi di migliore qualità iniziano ad utilizzare nelle bustine tè a foglia intera, che è possibile trovare anche al supermercato.

Le antiche regole del tè perfetto

Il tè, come il caffè, ha un rituale di preparazione preciso. Ecco le semplici e antiche regole per preparare un tè in perfetto stile british:

•    L'acqua: dopo aver scelto il vostro tè, scegliete una buona acqua oligominerale non gasata   (va bene anche quella del rubinetto, purché non sia troppo dura e ricca di cloro, il cui sapore potrebbe alterare il gusto del tè)
•    L'ebollizione: riempite il bollitore e riscaldate l’acqua fino alla temperatura di 90° C circa
•    Il riscaldamento della teiera: Versate un po' dell'acqua bollente in una teiera con coperchio, lasciandola riposare per qualche istante. Quando la teiera diventa tiepida, togliete l'acqua e procedete subito col passaggio successivo
•    L'infusione: mettete il tè in un infusore, in un colino o direttamente sul fondo della teiera. La quantità dipende dal tipo di tè e dal gusto personale: in generale, se è sfuso, basta un cucchiaino colmo per ogni tazza, se in bustina una bustina per ogni tazza. Versate l'acqua bollente nella teiera proporzionalmente alla quantità di tè usata (ad esempio 5 tazze d'acqua per 5 bustine). Lasciate il tè in infusione per qualche minuto
•    In tazza: togliete le foglie di tè sfuse o in bustina dalla teiera e servite in tazze di ceramica o porcellana accompagnato da latte, zucchero, miele o limone a piacere.

 

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno