Birra & Salute: il riscatto del nettare dorato

Birra & Salute: il riscatto del nettare dorato: se non se ne abusa, la birra può far bene alle ossa e al cuore. Voi che ne pensate?

Birra & Salute: il riscatto del nettare dorato

Il dibattito è acceso. Spesso criticata perché considerata, nell'immaginario collettivo, come bevanda non salubre, causa di gonfiori addominali o assunzione di calorie in eccesso, l'amata-odiata birra ha finalmente l'occasione di riscattarsi.

Sono molti, infatti, gli studi che mettono in evidenza le qualità positive del tanto discusso nettare dorato. Parola d'ordine: da bere in piccole dosi.

La birra non ingrassa
Alimento cult, assieme al vino, della dieta mediterranea, se assunta in dosi moderate (max 400 ml al giorno equivalenti a circa due bicchieri) la birra non fa ingrassare. E' quanto dimostrato da una ricerca dell'Università di Copenaghen. La famosa "pancetta da birra" vale soltanto per coloro che ne abusano. Senza contare che, a parità di quantità (100ml), la birra contiene meno calorie d' altre bevande: il whisky contiene 238 kcal, il vino rosso 75 kcal, la grappa 235 kcal, mentre la birra solo 35 kcal.

Birra e cuore
Secondo diversi studi "una pinta di birra al giorno toglierebbe il cardiologo di torno". Questo perché la birra è ricca di polifenoli, che agiscono su sostanze tossiche come i radicali liberi, riconosciuti come una delle possibili cause di malattie cardiovascolari. La birra, inoltre, contiene la Vitamina B6, in grado di prevenire l’aumento di un particolare tipo di aminoacidi chiamato "omocisteina”, che si ritiene possa incrementare il rischio di attacchi cardiaci.

Salute delle ossa
Una ricerca spagnola ha scoperto che coloro che assumono regolarmente birra hanno ossa più robuste. L'effetto dipende dall'alto contenuto di silicio nella bevanda, in grado di prevenire malattie gravi come l'osteoporosi.


Birra e celiachia
La celiachia costringe a una dieta senza glutine rigorosamente priva di frumento, orzo, segale e avena. Questa patologia impediva, quindi, fino a qualche anno fa, anche il consumo di birra (oltre al whisky e alla vodka). L'esercito dei celiaci amanti del nettare dorato ha tirato quindi un sospiro di sollievo quando finalmente è stato possibile comprare la birra in farmacia. Sono state introdotte, infatti, diverse varietà di birra senza glutine, tutte riconoscibili dal marchio con la spiga sbarrata.

Consumo massimo raccomandato

La quantità massima consentita è fissata, per alcuni esperti, a circa 4 litri a settimana per gli uomini e 3 litri per le donne.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno