Questo sito contribuisce alla audience di

Cardo, caratteristiche e ricette

Il cardo è un ortaggio dal gusto amarognolo e ricco di proprietà benefiche per il nostro organismo, principalmente cotto perché i suoi gambi sono duri e fibrosi. Conosciamo meglio il cardo.

Cardo, caratteristiche e ricette

Cardo, caratteristiche e ricette, visualizza tutte le ricette (4)



Con un sapore che ricorda vagamente quello del carciofo, in quanto appartiene alla stessa famiglia, il cardo è una verdura spesso sottostimata e se ne fa un utilizzo molto limitato nelle nostre cucine.
Il cardo è un ortaggio che viene raccolto in tardo autunno o in inverno, in quanto i suoi gambi sono piuttosto duri e si ammorbidiscono se subiscono le prime gelate di fine autunno.

Una curiosità: per limitare il gusto amaro dei gambi il cardo viene fatto crescere sotto terra in modo da non venire esposto alla luce del sole che ne aumenta l'amaro.

La parte commestibile del cardo è il gambo, che nelle varietà con le spine deve essere pelato prima dell'utilizzo, anche se in commercio sono reperibili varietà prive di spine, come il cardo di Bologna.
In Italia vengono coltivate varie qualità di cardo, con proprietà e gusti differenti, ecco un breve e non esaustivo elenco:

- Cardo selvatico: cresce spontaneamente e può essere cucinato con le stesse modalità del cardo coltivato.
- Cardo mariano: cardo selvatico che cresce specificatamente nelle regioni meridionali d’Italia, viene chiamato anche cardo della Madonna e Cardo selvatico benedetto in quanto è ricco di benefici effetti per il nostro organismo, ottimo anche durante il periodo dell'allattamento in quanto favorisce la produzione di latte materno.
- Cardo gobbo di Nizza Monferrato: un cardo particolare il cui nome gli deriva dal fatto che viene coltivato piegando il gambo e tenendolo sotto terra in modo che risulti dolce e bianchissimo, è l'unica varietà di cardo che è possibile preparare anche crudo insaporito con olio, pepe e sale. Questo cardo è fondamentale nella ricetta della bagna càuda, piatto tradizionale piemontese.
- Cardo di Bologna: privo di spine, con un gambo molto sottile e tenero.
- Cardo di Chieri: come si evince dal nome viene coltivato  di Andezeno e Chieri ed è una varietà pregiata. Si presenta con un colore verde biancastro, poiché dopo la raccolta viene posto sotto dei teli per eliminare la clorofilla per diminuire il gusto amaro.

Quando al mercato acquistate i cardi date la preferenza a quelli più bianchi se vi piacciono meno amari, a quelli verdi nel caso contrario, in ambedue i casi si devono presentare ben chiusi senza alcuna tendenza ad allargarsi.
Dal punto di vista nutrizionale 100 grammi di prodotto edibile forniscono circa 14 kcalorie, il cardo possiede anche un alto indice di sazietà, per cui è ottimo nelle diete.
Inoltre il cardo è ricco di fibre, di calcio, potassio e magnesio, è un efficace disintossicante e depurativo perché consente l'eliminazione dei radicali liberi

 

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno