Questo sito contribuisce alla audience di

Tinca, caratteristiche e ricette

La tinca, un pesce d'acqua dolce dalle carni magre e digeribili, richiedono l'utilizzo di condimenti ed erbe aromatiche in quanto questo pesce d'acqua dolce non offre un sapore forte e deciso come quello che caratterizza i pesci di mare.

Tinca, caratteristiche e ricette

Tinca, caratteristiche e ricette, visualizza tutte le ricette (2)



La tinca è un pesce d'acqua dolce diffusa in tutte le acque dolci europee a corso lento: laghi, fiumi, canali, stagni.
A volte è segnalata nelle foci di alcuni fiumi sull'oceano Artico, così come nel lago Bajkal.

Di colore verde scuro, ha corpo allungato di circa 30 cm di lunghezza, e due grossi barbigli in corrispondenza della bocca.
La tinca ha carni saporite ma ricche di spine e molto spesso dal sapore di fango a causa delle abitudini alimentari di questo pesce, per questo prima della preparazione è consigliabile un'accurata pulitura: va lasciata spurgare per qualche giorno in un catino con acqua fresca corrente.

La tinca: informazioni e proprietà
La carne della tinca è magra e ricca di proteine. È molto digeribile e adatta ai bambini ed essendo molto magra è consigliata in caso di cure dimagranti, purché non venga consumata fritta (è stata infatti a lungo un pesce tipico nella preparazione del carpione).
È invece consigliato un uso moderato a chi soffre di insufficienza renale per il carico di acido urico.

Come sceglierla
Quando vi trovate al mercato per l'acquisto di questo pesce dovete fare bene attenzione ai seguenti indicatori della freschezza della tinca:
 
• Il corpo deve essere rigido ed arcuato.
• La pelle deve presentare colori vivi e cangianti.
• Le carni devono essere bianche o rosate, sode ma elastiche.
• La lisca dovrà sempre essere bene aderente alla parete addominale e ai muscoli dorsali.
• L'odore, dal momento che siamo alla presenza di un pesce d'acqua dolce, deve essere gradevole e tenue.

Cosa evitare
Questa invece le caratteristiche del pesce che si trova già da qualche giorno nei banchi di vendita e, avendo preso la freschezza iniziale, si presenta con:
• Corpo flaccido e molle.
• Aspetto generale spento e opaco.
• Odore acre e sgradevole.

Come conservare
Come tutti i pesci, anche la tinca è un alimento facilmente deteriorabile, per questo deve essere conservata nel migliore dei modi oppure va consumata nel più breve tempo possibile.
Se acquistata fresca resiste al massimo 2 giorni in frigorifero


 

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno