Questo sito contribuisce alla audience di

Oca, caratteristiche e ricette

L'oca è un volatile le cui carni saporite vengono utilizzate in molte ricette in particolare nel Nord Europa. Conosciamo meglio l'oca.

Oca, caratteristiche e ricette

Oca, caratteristiche e ricette, visualizza tutte le ricette (14)


Consumata tradizionalmente in Germania, e molto apprezzata e conosciuta anche in Francia sia per le sue carni che per il suo fegato, l'oca non costituisce certo in Italia il volatile più consumato, e a parte pochi territori, come la zona del Pavese, dove viene apprezzata e vengono prodotti anche alcuni insaccati.
Il problema deriva forse dalla mancata conoscenza delle proprietà nutritive della carne dell'oca, in quanto, avendo il grasso localizzato e non diffuso nella carne, è molto facile eliminarlo e poter così usufruire di una carne saporita e magra, in grado di competere con quelle del pollo e del tacchino.

L'oca ha dimensioni maggiori dell'anatra e, al contrario della cugina, si trova meglio sulla terra che sull'acqua, perché non è una buona nuotatrice.
Molti sono i modi di apprezzare le carni dell'oca a tavola, può essere preparata con la zucca, e diventa un ottimo piatto delle feste, o ancora contribuire ad un saporito ragù per condire la pasta, o, con il suo fegato e il patè che se ne ottiene, realizzare degli ottimi finger food.

L'oca: informazioni e proprietà

Il particolare tipo di allevamento al quale è stata sottoposta l'oca fino a poco tempo fa ne rendevano le carni estremamente grasse e il consumatore ne evitava l'utilizzo proprio a causa di questo fattore.
Attualmente la tipologia di mangime è notevolmente variata, con allevamenti in semi libertà, e le carni dell'oca, che tra l'altro hanno la particolarità di presentare il grasso raccolto e non diffuso nella carne, quindi facilmente eliminabile, son tornate ad essere interessanti per il mercato.

La carne dell'oca fornisce molte più kcalorie rispetto a quella del pollo, circa 370 contro 130 per 100 grammi di prodotto edibile,  ed anche il valore dei grassi forniti son notevolmente superiori, 33 grammi contro 5, ma il minor contenuto di acqua rende l'oca, che ha un sapore più forte di quello del pollo e del tacchino, adatta alla preparazione di ricette in abbinamento con alimenti che hanno già un sapore forte e con i quali il pollo "scomparirebbe".

Ben differenti sono invece i valori del fegato d'oca, utilizzato per realizzare il famoso patè de fois gras, in questo caso abbiamo solo 133 kcalorie per 100 grammi ma un apporto in colesterolo che supera i 500 mg, per cui è consigliabile non eccedere nel consumo di questa specialità.



 

Iscriviti alla newsletter!