Questo sito contribuisce alla audience di

Sgombro, caratteristiche e ricette

Lo sgombro è un saporito pesce azzurro, caratterizzato da un elevato contenuto di omega 3, e presente in numerose preparazioni. Conosciamo meglio lo sgombro.

Sgombro, caratteristiche e ricette

Sgombro, caratteristiche e ricette, visualizza tutte le ricette (20)


Lo sgombro è un pesce comune sulle nostre tavole per una serie di fattori, tra i quali il gusto e il costo non ancora proibitivo.
Con una lunghezza massima di 50 centimetri e una quasi impossibile prospettiva di vita di 17 anni, lo sgombro anni fa ha rischiato l'estinzione in alcuni tratti di mare causa la pesca sconsiderata che ne è stata fatta, poi fortunatamente sono state emanate leggi a regolamentarne la pesca e il numero degli individui è risalito.
La carne dello sgombro si presenta morbida, bianca e grassa, con un sapore deciso che è molto apprezzato dalle varie gastronomie.

Lo sgombro è definito "pesce azzurro",  gruppo al quale appartengono tutti i pesci contraddistinti da un dorso bluastro o a volte con sfumature di verde e pancia argentea, queste varietà sono molto comuni nei nostri mari il che le rende abbastanza economiche.

Lo sgombro è anche conosciuto sotto altri nomi: lacerto o maccarello, ma sono sinonimi che si riferiscono comunque allo stesso pesce.

In cucina lo sgombro offre la possibilità di preparare, da solo o unito ad altre qualità di pesce, degli ottimi piatti, validi esempi sono lo sgombro con arance e finocchi o lo sgombro marinato alla greca, mentre con altri ingredienti che non sono necessariamente pesci o crostacei possiamo preparare ad esempio i ravioli con toccu de pexe o la zuppa di canocchie alla versiliana e questo pesce è così versatile da poterci preparare anche dei gustosi panini, come l' augusto a base di sgombro e senape.

Oltre alle carni gustose, lo sgombro è un pesce ricchissimo di proprietà benefiche per il nostro organismo, prima tra tutte la notevole quantità di omega 3, eccezionali coadiuvanti nella lotta contro l'ipercolesterolemia e le malattie cardiocircolatorie.

I nutrizionisti considerano lo sgombro una vera riserva di vitamine e un integratore proteico.

Lo sgombro fornisce circa 191 kcalorie per ogni 100 grammi di prodotto edibile, il che lo fa emergere da quanto fornito dagli altri pesci ed evidenzia quanto grasse siano le sue carni, ma attenzione che si tratta di grasso "buono" che combatte il colesterolo da un lato e rende il pesce più appetibile dall'altro.

Oltre agli omega 3, lo sgombro fornisce, sempre per 100 grammi di carne, 19 grammi di proteine.
Al mercato, quando acquistate uno sgombro, evitate quelli privi di testa in quanto, essendo la prima a deteriorarsi, rischiereste di prendere del pesce non freschissimo, inoltre valgono le solite raccomandazioni, carne soda, branchie rosso vivo e occhio vivace.

Lo sgombro, oltre ad essere disponibile fresco, è commercializzato anche in scatola, sott'olio e al naturale, ma anche surgelato e già pulito.

Unica nota dolente dello sgombro è che, come tutti i pesci, le sue carni presentano un discreto contenuto di sodio, con valori che si presentano più elevati nel caso di sgombro sott'olio rispetto a quello al naturale.

 

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno