Questo sito contribuisce alla audience di

Timo, caratteristiche e ricette

Il timo è un'erbetta caratterizzata da un profumo forte e penetrante ma molto gradevole. Proviamo a conoscere meglio il timo e le sue caratteristiche.

Timo, caratteristiche e ricette

Timo, caratteristiche e ricette, visualizza tutte le ricette (270)


In tutti i Paesi del Mediterraneo il timo in cucina è di uso comune come il pepe nel resto del mondo. Le sue terre d'origine sono, infatti, i luoghi aridi della regione mediterranea.
Oggi il timo viene coltivato in buona parte dell'Europa, nell'Africa Settentrionale  e negli Stati Uniti.

Al pari del basilico, della maggiorana, del rosmarino, della salvia e di molte altre piante aromatiche, il timo appartiene alla grande famiglia delle Labiate.
Questo piccolo arbusto profumato raggiunge un'altezza che varia dai 20 ai 40 cm., ha steli legnosi, piccole foglie che crescono attorno ai rami e piccoli fiori.

Il suo aroma è molto piacevole e si sviluppa ancor più durante la cottura nei cibi. Bisogna perciò usarlo con misura, per evitare che copra ogni altro sapore.

Il timo: coltivarlo e utilizzarlo
Chi vuole coltivarlo nel proprio giardino può scegliere tra la varietà annua e quella perenne.
La varietà annua ha profumo più intenso; quella perenne perde, man mano che passano gli anni, la forza dell'aroma.

In commercio si trova il timo secco a foglioline intere, oppure macinate, cioè in polvere.
Vengono aromatizzati con il timo gli arrosti e gli stufati di manzo, di montone e di selvaggina e, tra i contorni, le patate, i piselli e i fagioli, nonché le zuppe di questi legumi.
 
Anche gli spiedini di carne, pesce e pollame, nonché molti piatti a base di pomodoro, acquistano sapore  dal timo.
Talora se ne fa uso come spezia anche negli insaccati, soprattutto nella salsiccia di fegato.
Il timo di cui abbiamo parlato finora è quello da giardino (nome scientifico «Thymus vulgaris»).
 
Anche il timo selvatico però merita di essere ricordato.
Questo, il cui nome scientifico è « Thymus serpyllum » detto anche timo di campo, cresce spontaneo ai bordi di sentieri rocciosi, sui prati aridi e sui pendii soleggiati.
 
Produce un cespuglio  alto circa 40 cm. e si distingue dalla varietà da giardino per l'aroma più tenue e le foglioline più dure.
Ma al tempo della fioritura si ricopre di piccoli fiori bianchi simili a stelline e il suo aroma si intensifica.
 
Anticamente in Germania il timo veniva consacrato alla dea Freya, il che dimostra come questa pianta aromatica fosse già conosciuta anche nei paesi nordici fin dai tempi più antichi.
 
 

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno