Questo sito contribuisce alla audience di

Panettone

Il panettone è il classico dolce per eccellenza lombardo dedicato al Natale. Conosciamo meglio il panettone e le sue caratteristiche.

Panettone

Panettone, visualizza tutte le ricette (5)



Molte sono le leggende, tutte lombarde ovviamente, che trattano della nascita del panettone, in lombardo "panaton", ma almeno 2 di esse hanno come "eroe" un certo Toni, da cui la derivazione del nome del saporito dolce dall'espressione "pan de Toni".
La preparazione del panettone è molto delicata e basta un nonnulla per rovinare il lavoro fatto, anche una semplice corrente d'aria o una temperatura della stanza troppo differente da quella ideale, che si aggira sui 23°, sono in grado di alterare la lievitazione della pasta.

Due sono le varianti principali del panettone, quello lombardo, più noto, e quello piemontese, più largo e basso, la fantasia dei cuochi e motivi commerciali si sono poi sbizzarriti a creare tantissime varianti del dolce tradizionale: glassato, senza canditi o uvetta, ripieno di crema, gelato o cioccolato per citare solo le più apprezzate. Il panettone viene anche esportato come dolce simbolo del Natale in moltissimi paesi.

Il panettone: proprietà nutrizionali e consigli

Il panettonefornisce purtroppo molte calorie, infatti i valori nutrizionali per 100 grammi di prodotto indicano:

 Calorie: 390 Kcal - Acqua: 26,90 g. - Carboidrati: 56,20 g. - Proteine: 6,40 g. - Grassi: 16,70 g. - Calcio: 149 mg. - Ferro: 3 mg. - Fosforo: 130 mg.

I dietologi consigliano vivamente, considerato che questi dolci vengono consumati alla fine di un pasto già di per sè molto abbondante e calorico, di limitarsi a gustarne una fettina senza eccedere per non ritrovarsi poi alla fine delle feste con qualche chilogrammo in più.

La produzione di panettone ha raggiunto ormai dei valori elevatissimi, nel 2008 sono stati prodotti non meno di 80 milioni di pezzi, commercializzati principalmente in Italia ma esportati e gustati in tutto il mondo.

Come facciamo a riconoscere il panettone più buono?
Se si sceglie quello tradizionale di Milano, occorre controllare che la cupola sia incisa a croce senza altri rilievi e spaccature. La crosta deve essere aderente alla pasta, dorata e senza bruciature. La pasta interna deve essere soffice e di colore giallo carico e deve avere i "buchi", segno che la pasta è lievitata naturalmente. I canditi e l'uvetta devono essere presenti in notevoli quantità.