Polenta, caratteristiche e ricette

La polenta è un ingrediente molto usato in particolare nel Nord dell'Italia e come il pane si accompagna ottimamente a ricette di carne o di pesce ma anche a base di verdure cotte o crude. Conosciamola meglio.

Polenta, caratteristiche e ricette

Polenta, caratteristiche e ricette, visualizza tutte le ricette (60)


La polenta è un antichissimo piatto a base di farina di cereali il quale, pur essendo conosciuto nelle sue diverse varianti pressoché sull'intero suolo italiano, ha costituito a lungo l'alimento base della dieta in molte regioni del Nord, nelle quali è tuttora piuttosto diffuso, e costituisce la base per numerosi e saporite pietanze della cultura popolare.

Diffusa, nelle sue innumerevoli varianti, in larga parte dell'Europa, in alcune regioni della Russia e nell'America del Sud, la polenta è forse uno degli alimenti più comuni di una cucina povera che è stata col tempo apprezzata da tutte le classi sociali.
Col tempo la polenta è arrivata a divenire, nel periodo del suo massimo fasto, la base per i famosi zaletti, dolcetti molto rustici, popolari, di farina gialla di mais, originari di Venezia e prodotti ben prima della scoperta dell'America.
La polenta è formata da un impasto di acqua, farina di cereali (oggi la più comune in Europa è quella di granoturco, la polenta gialla) e sale, cotti in un paiolo (la tradizione vuole che sia di rame) per almeno un'ora.

La farina da polenta è solitamente macinata a pietra ("bramata") più o meno finemente a seconda della tradizione della regione di produzione.

In genere la polenta viene presentata in tavola su di un'asse circolare coperta da uno straccio e viene servita, a seconda della sua consistenza, con un cucchiaio o a fette, queste ultime un tempo tagliate con un filo di cotone, dal basso verso l'alto.

La polenta: proprietà nutrizionali.

La polenta è un piatto assai nutriente e al tempo stesso equilibrato.

Con 100 grammi di polenta si assumono 9 grammi di proteine, 3,8 grammi di grassi (un apporto basso ma comunque superiore a quello del pane o della pasta), 76 grammi di carboidrati e 3,5 grammi di fibra alimentare, assai indicata per una regolare funzione intestinale.

Notevole è pure l'apporto di ferro e fosforo, anche in questo caso superiore rispetto a quello degli altri cereali e derivati. Ottimi i quantitativi vitaminici, soprattutto di vitamina A e di vitamina PP.

Se non accompagnata da condimenti troppo grassi costituisce un alimento facilmente digeribile adatto a giovani ed anziani.

Tipologie di polenta.

Le varianti della polenta sono quasi infinite, per restare in Italia e per elencare solo alcuni tipi di polenta, ricordiamo la polenta "Taragna" , tipica della Valtellina, che nella ricetta originale comprende anche il grano saraceno, la "Pulenta uncia", cucinata sul lago di Como e chiamata così perché è "uncia", cioè "unta" in quanto solitamente va fritta nel burro e condita con formaggio tipico del luogo.

E ancora possiamo citare la polenta "Pult", la "Concia", la "Saracena", la "Fritta", la "Polenta con i ciccioli" e potremmo proseguire a lungo. Un particolare tipo di polenta viene fatta con le patate in alcune zone del Trentino.

Degne di menzione sono anche le polente che vengono preparate nel centro Italia, come la polenta di Tossignano, in Romagna, e quella Sarda, nota anche come "Farru" (polenta di orzo), nota sin dalla civiltà nuragica, come dimostrerebbero i vari mortai ed altri strumenti d'epoca usati per la lavorazione di questo alimento.


 

Contenuti sponsorizzati

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno