Questo sito contribuisce alla audience di

Datteri di mare, caratteristiche

I datteri di mare sono molluschi che vivono all'interno delle rocce calcaree, la pesca è severamente vietata e causa dei gravi danni ambientali che comporta oltre al rischio di estinzione della specie. Approfondiamo la conoscenza.

Datteri di mare, caratteristiche

Datteri di mare, caratteristiche, visualizza tutte le ricette (1)



Il dattero di mare è un mollusco bivalve della famiglia Mytilidae che deve il suo nome, a lithos (pietra) e phagein (mangiare), per la sua capacità di perforare le rocce per vivere al loro interno
Vive all'interno di rocce calcaree corrodendole tramite secrezioni acide e si nutre di materiale organico che raccoglie estroflettendo una sorta di sifone al di fuori della galleria.

ll dattero di mare può raggiungere le dimensioni massime di 8-10 cm ed è stato calcolato che raggiunge la lunghezza di 5 cm dopo circa 15-20 anni; le popolazioni di dattero di mare possono raggiungere densità massime nelle pareti costituite da calcaree, fino a 300 individui/m², che si sviluppano perpendicolarmente, soprattutto lungo i primi metri di profondità (1-5 m). I fondali più minacciati dalla distruzione connessa alla pesca del dattero sono gli ambienti litoranei di falesia calcarea, che coincidono spesso con la localizzazione di numerosi parchi o riserve marine.

La pesca è molto invasiva e distruttiva nei confronti degli ambienti e dei litorali rocciosi che ospitano i datteri perciò è vietata.
E' stato calcolato che per preparare un piatto di linguine ai datteri di mare, è necessario distruggere 1 mq di superficie marina: per pescare i datteri, si frantumano infatti interi banchi di scogli.

Si stanno tentando diversi progetti di allevamento, in cui i datteri di mare vengono messi a dimorare in appositi blocchi di cemento, la cui distruzione al momento della raccolta non causerà alcun danno ecologico o paesaggistico.


 

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno