Insalate

L'insalata in ogni pranzo rappresenta un vero toccasana per il palato e per la digestione ed esalta il sapore dei piatti ai quali si accompagna. Conosciamo meglio le insalate.

Insalate

Insalate, visualizza tutte le ricette (207)



A tavola, a prescindere dalla particolare stagione dell'anno, trovare una bella insalatiera colma di fresca insalata, meglio se multicolore, stimola l'appetito e mette allegria, anche se  non tutte le insalate sono uguali e non tutte le insalate in maniera generica sono idonee per le preparazioni delle varie ricette.

Preparare un'insalata è molto semplice: una volta scelta la verdura o le verdure che la comporranno si procede eliminando dal cespo di insalata le foglie esterne più dure e più deteriorate, si separano le foglie una ad una e si sottopongono ad un accurato lavaggio per rimuovere al meglio i residui di terra e di concime.
Successivamente si tagliano le foglie a pezzi se di grandi dimensioni e si condisce l'insalata così ottenuta con un filo d'olio, rigorosamente extravergine d'oliva, un pizzico di sale e del limone o aceto a seconda del gusto personale, raramente viene aggiunto peperoncino in polvere.
Attenzione a condire solo la parte che si prevede di consumare immediatamente altrimenti sia l'aceto che il limone "cuoceranno" l'insalata rimasta facendole perdere freschezza e croccantezza.
Oltre a rappresentare un saporito contorno ricco di vitamine e sostanze benefiche, l'insalata può tranquillamente sostituire un pasto completo, basta aggiungervi del formaggio o del tonno, oppure patate bollite e tagliate a pezzi, o ancora legumi o zucchine.

L'apporto calorico dell'insalata, intesa come tipologia di verdura, si attesta mediamente sulle 20 Calorie per 100 grammi di prodotto, ma tale valore può variare fortemente a seconda del tipo e della quantità di condimento che adopererete per insaporirla.
 
Principali verdure da insalata:

Cicoria belga: ha foglie bianche appena sfumate di giallo sulle punte e avvolte strettamente le une sulle altre in modo da formare un cespo allungato e composto, ottima la coppa di gamberi in agrodolce.
Cicoria riccia o indivia: ne esistono diverse  varietà caratterizzate tutte da un fitto fogliame più o meno ricciuto, di colore verde piuttosto chiaro con cuore centrale quasi bianco, la varietà riccia contribuisce all'insalata reale.
Cicoria scarola: si presenta in cespi di diametro anche molto largo, con foglie allungate provviste di venatura centrale piuttosto carnosa. Sono tenerissime e croccanti soprattutto le foglie centrali, da provare la zuppa di scarola.
Lattuga romana: si presenta in cespi di forma allungata, con costole spesse e bianche; le foglie possono essere, secondo la qualità, verde chiaro, verde scuro o verde striato di rosso bruno, quella verde consente di preparare la vignarola romana.
Soncino: cresce spontaneamente nei prati all’inizio della primavera, ma può anche essere coltivata. Se raccolta al primo stadio dello sviluppo è dolce e tenera e accompagna il branzino agli asparagi.
Radicchio di Treviso: di colore rosso intenso con costola centrale bianca e piuttosto carnosa. E’ molto croccante e ha gusto leggermente amarognolo, e si sposa bene con la bruschetta alla provola.
Radicchio di Castelfranco: presenta foglie larghe tondeggianti con una colorazione variegata che va dal bianco al giallo, al rosato, al rosso rubino, le larghe foglie si prestano bene per i rotolini di radicchio.
Radicchio di Verona: è simile al radicchio di Castelfranco ma le foglie presentano un colore rosso intenso, solo leggermente variegato che danno colore all'insalata di granseola.

 

Contenuti sponsorizzati

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno