Questo sito contribuisce alla audience di

Dieta mediterranea

La dieta mediterranea è considerata tra le migliori diete da parte dei dietologi di tutto il mondo e l'Unesco l'ha dichiarata Patrimonio immateriale dell'umanità.

Dieta mediterranea

Considerata tra le migliori diete da parte dei dietologi di tutto il mondo, la dieta mediterranea, più che rappresentare una vera e propria dieta, costituisce un approccio diverso alla tavola, con una ben determinata scelta di cibi che spaziano su una gamma completa che ben poche diete prevedono.

Anche personaggi famosi dello spettacolo sono rimasti affascinati da questa dieta, come ad esempio la star Scarlett Johansson, che ne è portabandiera in patria.

La dieta mediterranea ha inoltre ottenuto diversi riconoscimenti nel mondo al punto che l'Unesco l'ha dichiarata Patrimonio immateriale dell'umanità.

I presupposti sui quali si basa questa dieta prevedono un apporto giornaliero dei tre elementi principali della nutrizione, carboidrati, grassi e proteine, secondo un rapporto di 50-30-20.

Inoltre nella dieta mediterranea è previsto sia un largo utilizzo di frutta e verdura fresche e di stagione, che sono ricche di fibre e di antiossidanti naturali, che l'assunzione regolare di carboidrati complessi, come la pasta (meglio integrale), che di grassi preziosi come quelli del pesce azzurro e dell'olio extravergine d'oliva.

dietamediterranea

PRO E CONTRO: la dieta mediterranea non solo non ha nessuna controindicazione, ma dal punto di vista della salute è l'ideale sia per tenere sotto controllo i livelli di colesterolo, pressione e glicemia, che per mantenere in salute cuore, cervello, arterie e vene.

E' sottinteso che, per mantenersi in forma o si vuole dimagrire aderire ai principi della dieta mediterranea non basta, occorre infatti diminuire le porzioni pur mantenendo il corretto equilibrio tra gli alimenti assunti, e ridurre l'apporto dei grassi per quanto benefici essi possano essere, come l'olio extravergine d'oliva.

Negli anni '60, il periodo del boom economico, questa dieta, o meglio regime alimentare, fu in parte abbandonata in quanto ritenuta troppo povera alla luce delle informazioni che arrivavano dall'America, ma nell'ultimo decennio si è andata sempre più rafforzando la corrente di coloro che ne propugnano l'utilizzo, in particolare il precursore fu lo studioso americano Ancel Keys, che a parte i vari studi pubblicati in materia visse ben 100 anni a dimostrazione della bontà di tale dieta.

Dal punto di vista dei nutrizionisti la dieta mediterranea costituisce un paradosso in quanto i popoli del mediterraneo consumano quantità rilevanti di grassi animali, che sono una delle cause di malattie cardiocircolatorie, ma la gran quantità di olio d'oliva che viene consumato bilancia questo consumo annullandone gli effetti negativi.

Una delle più recenti scoperte emerse dagli studi effettuati sulla dieta mediterranea è che ha effetti protettivi sul cervello, contribuendo validamente a impedire il declino cognitivo, inoltra rallenta l'insorgere del morbo di Alzheimer.

L'abbandono in alcune regioni italiane di tale regime alimentare ho portato ad un aumento delle malattie contro le quali la dieta mediterranea si è rivelata efficace, mentre al contrario la Liguria spicca per l'utilizzo di una dieta simile a quella delle regioni del Sud Italia, ricco di pesce, in particolare quello azzurro, di olio extravergine d'oliva e del famoso pesto.



Iscriviti alla newsletter!