Questo sito contribuisce alla audience di

Coppa, caratteristiche e ricette

La coppa è un gustoso insaccato che si ricava da particolari tagli del maiale. Conosciamo meglio la coppa e le sue caratteristiche.

Coppa, caratteristiche e ricette

La coppa è un pregiato salume ricavato da tagli scelti del maiale e tra le varie tipologie prodotte in Italia spiccano quella piacentina prodotta in Emilia Romagna e il capocollo calabro.

La coppa si ottiene dal muscolo cervicale del suino, che viene tagliato all'altezza della quarta costola, e non può avere peso inferiore ai 2,5 kg. la carne viene massaggiata, spremuta e rifilata, quindi si procede alla salatura. Questa avviene con sale, pepe spezzettato e numerose spezie.
Dopo una settimana la coppa viene avvolta nel diaframma parietale suino.
Si procede quindi ad una legatura energica con spago e ad una prima stagionatura che avviene con il passaggio nell'essiccatoio per almeno sette giorni. La stagionatura completa avrà durata di almeno sei mesi, ad una temperatura costante compresa tra i 10 e i 14°C, ad umidità controllata.

La coppa piacentina D.o.p. è l'insaccato più famoso che si produca nella provincia di Piacenza, è tutelata da un disciplinare DOP e appare sul mercato con il contrassegno di garanzia.
La forma è cilindrica, del diametro di circa quindici centimetri in pezzature di peso fra i due e i quattro chilogrammi.

La coppa piacentina può essere prodotta e stagionata sulle colline della provincia di Piacenza a un'altitudine non superiore ai novecento metri.
Le zone di stagionatura più importanti sono Pianello Val Tidone, Bettola, Carpaneto Piacentino, Gragnano Trebbiense, Lugagnano Val d'Arda. Gli animali utilizzati devono essere suini pesanti di allevamenti abilitati alla produzione del prosciutto di Parma di Emilia-Romagna e Lombardia.

La coppa è un classico affettato da antipasto e si gusta con pane fresco.

 

Iscriviti alla newsletter!