Senegal

Le ricette del Senegal hanno portate molto abbondanti e il cibo viene assaporato da un piatto comune prendendolo con le mani in quanto viene preparato già spezzettato. Scopriamo di più sulla cucina del Senegal.

Senegal

Senegal, visualizza tutte le ricette (15)



La cucina senegalese è ricca e variegata. Si passa dalle deliziose melange di verdure a succulenti piatti di pesce, le specialità che trionfano nel paese sono il mafé, spezzatino condito con pasta d'arachidi, (la carne può essere sostituita dalle verdure); la yassa, carne marinata in succo di limone.

Un piatto tradizionale è il thiéboudiene, riso di pesce e verdure. Né, naturalmente, in questa parte d'Africa poteva mancare l'influenza del couscous.
A fine pasto, viene proposto spesso il "pane delle scimmie", la polpa dolce e spezzettata del frutto del baobab. Tutto il pranzo è accompagnato da bissap, un infuso di Karcadè servito freddo.

Il piatto principale della cucina senegalese è il (cheb-ou-jen ) riso con pesce. Molto sentita in Senegal e l’ ospitalità che si riflette nel modo di cucinare e di offrire i piatti.
Le portate sono molto abbondanti nel caso ci siano degli ospiti. Il cibo viene servito su un largo vassoio, con il riso sotto, e le verdure in alto, dando molta importanza a come si presenta. Si posa il vassoio su una stuoia sul pavimento e la famiglia si siede tutt’intorno.
 
Di solito si mangia con la mano destra, cosi viene passata una bacinella d’acqua prima e dopo il pasto per lavarsi le mani. Con le dita si raccoglie un po’ di riso, lo si appallottola e lo si porta in bocca.
Agli ospiti europei solitamente viene offerto un cucchiaio. Il pesce, la carne e le verdure vengono spezzettati dalla padrona di casa e posti davanti ai commensali, perché non è buona educazione allungarsi per prenderli.

Dopo i pasti si prende il senegalese.

Un giovane della famiglia scalda una miscela di tè verde, menta fresca e acqua in una teiera di metallo sulla carbonella. L’infuso viene versato dalla teiera nel bicchiere partendo da molto in alto, in modo che lo zucchero si sciolga e formi una schiuma in superficie.
Questa operazione si ripete tre volte, la prima volta il tè è forte e amaro, la seconda un po’ più dolce, e la terza ed ultima sarà ancora più dolce e con intenso sapore di menta.




 

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno