Gnocco fritto

Lo gnocco fritto si prepara impastando farina con sale, strutto e lievito, successivamente la pasta verrà stesa e dopo essere stata tagliata a rombi verrà fritta e servita caldissima. Ecco tutti i passaggi per lo gnocco fritto di Modena.

Portata Portata:
Antipasti (Vedi altre Ricette)

Cucina regionale Cucina regionale:
Emilia Romagna (Vedi altre Ricette)

Difficoltà Difficoltà:
Facile

Persone Persone:
6

Tempo Tempo:
20 minuti + 1 ora di lievitazione + 20 minuti di cottura

Vino Vino:
Lambrusco

Costo Costo:
Economico

Ingredienti

  • 250 gFarina bianca
  • 15 gLievito di birra
  • 30 gStrutto ( od olio )
  • 1 cucchiaioSale
  • 12 cucchiaiAcqua tiepida
  • q.b. Olio per frittura

Preparazione

Step 1

Setacciate a fontana la farina sulla spianatoia ed aggiungete il sale, lo strutto (o l'olio) e il lievito sciolto nell'acqua. Lavorate bene il tutto.

Step 2

Lasciate lievitare questo impasto in luogo tiepido per un'oretta. Stendete la pasta, col mattarello o con la macchinetta, in una sfoglia alta 3 mm circa. Tagliatela a rombi e friggeteli nell'olio bollente, pochi per volta.

Step 3

Sgocciolate gli "gnocchi" gonfi e dorati e serviteli caldissimi in accompagnamento a salumi e formaggi.

Consigli

Chi di voi ha avuto occasione di visitare l'Emilia Romagna avrà degustato probabilmente lo gnocco fritto che assume a seconda della località nomi diversi. Esso infatti viene chiamato, a seconda della provincia: Crescentine, Chizze, Chisulein, Torta fritta. Una variante alla ricetta, suggerita dalla signora Ornella Bettelli che ringraziamo, prevede l'utilizzo del lievito per dolci in sostituzione di quello di birra, cosa che rende gli gnocchi meno grassi e senza il retrogusto di lievito.

Commenti

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno