Patate parmentier

Le patate parmentier si realizzano facilmente tagliando a cubetti le patate che andremo a sistemare in una pirofila con olio, aglio e rosmarino, inforneremo e faremo cuocere mescolando ogni tanto; in ultimo bagneremo con il vino e inforneremo di nuovo fino a completa evaporazione.

Portata Portata:
Contorni (Vedi altre Ricette)

Difficoltà Difficoltà:
Facile

Persone Persone:
4

Tempo Tempo:
1 h 15 m

Vino Vino:
Trebbiano di Romagna

Ingredienti

  • 800 g Patate
  • 1 rametto Rosmarino
  • 1 dl Vino bianco
  • 1 Aglio a spicchi
  • 3 cucchiai Olio extravergine
  • q.b. Sale
  • q.b. Pepe in grani

Preparazione

Step 1

Pelate le patate, lavatele, asciugatele e riducetele a tocchetti. Lavate e asciugate il rosmarino.
Sbucciate l'aglio e schiacciatelo leggermente.
Sistemate le patate in una pirofila spennellata con l'olio e aggiungetevi il rosmarino e l'aglio.

Step 2

Mettete la pirofila nel forno già caldo a 180 °C e fate cuocere la preparazione per 50 minuti, avendo cura di mescolare ogni tanto.
Verso il termine della cottura, estraete la pirofila dal forno
e cospargete le patate con un pizzico di sale e qualche grano di pepe.

Step 3

Eliminate quindi il rosmarino e l'aglio e mescolate per insaporire le patate in modo uniforme.
Bagnate con il vino, alzate la temperatura del forno a 220
°C e lasciate evaporare il liquido. Quando la preparazione sarà di nuovo asciutta, sfornate e servite.

Consigli

Anton-Augustin Parmentier era un noto scienziato francese vissuto durante la Rivoluzione. Il nome di questo piatto è un omaggio a Parmentier per aver introdotto l'uso delle patate nell'alimentazione dell'uomo, che proprio in quell'epoca aveva enormi problemi di salute dovuti a carenze alimentari.

Contenuti sponsorizzati

Commenti

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno