Questo sito contribuisce alla audience di

Brasato di maiale al vino rosso

Il brasato di maiale al vino rosso si prepara cuocendo la carne di maiale in pentola con il vino, l'olio e alcune delle verdure, a parte si cuoceranno invece i funghi, le cipolline e la zucca con gli aromi. Ecco i passaggi per il brasato di maiale al vino rosso.

Portata Portata:
Secondi piatti di Carne (Vedi altre Ricette)

Difficoltà Difficoltà:
Media

Persone Persone:
4

Tempo Tempo:
20 minuti 2 ore di cottura

Costo Costo:
Medio

Ingredienti

  • 800 gPolpa di maiale magra
  • 4 dlVino rosso secco
  • 4 cucchiaiOlio extravergine d'oliva
  • 4 grandiCarote a cubetti
  • 1Sedano, costa tritata
  • 1 mediaCipolla tritata
  • 1 cucchiainoCannella in polvere
  • 1 cucchiainoPaprica
  • 2,5 dlBrodo vegetale
  • 400 gCipolline
  • 2 cucchiaiBurro
  • 200 gPolpa di zucca a cubetti
  • 150 gLevistico tritato
  • 200 gFunghi champignon tagliati in 4
  • q.b.Sale
  • q.b.Pepe

Preparazione

Step 1

Scaldate metà dell'olio a fuoco medio in una casseruola capiente. Unite 3 carote, il sedano, la cipolla tritata e la carne e fatela rosolare per 5 minuti.

Step 2

Unite la cannella e la paprica, salate e aggiungete il vino. Coprite la pentola e fate cuocere a fuoco basso per 1 ora e 10 minuti, finché sarà tenera. Se dovesse attaccarsi alla pentola aggiungete un po' di brodo.

Step 3

Lessate le cipolline in un pentolino con il brodo rimasto a fuoco medio per 7 minuti circa, finché saranno tenere, quindi scolatele.

Step 4

Fate fondere il burro a fuoco medio in una padella capiente con l'olio rimasto, unite la zucca, il levistico e la carota rimasta, salate e pepate. Unite anche i funghi e le cipolline e saltate le verdure a fuoco basso per circa 30 minuti, finché saranno molto tenere e dorate.

Step 5

Trasferite il brasato su un piatto da portata, unite le verdure, condite il tutto con la salsa e servite.

Consigli

Il levistico è una pianta erbacea perenne il cui fusto eretto può crescere fino all'altezza di 2 metri. Le foglie, come aspetto e sapore ricordano quelle del sedano.

Commenti