Cinghiale stufato

Il cinghiale stufato si prepara frollando la carne per 12 ore in acqua e aceto prima di rosolarla in un soffritto di cipolla ed essere poi cotta per circa un'ora unitamente al concentrato di pomodoro ed agli aromi. Ecco i passaggi del cinghiale stufato.

Portata Portata:
Secondi piatti di Carne (Vedi altre Ricette)

Cucina regionale Cucina regionale:
Toscana (Vedi altre Ricette)

Difficoltà Difficoltà:
Facile

Persone Persone:
4

Tempo Tempo:
20 minuti + 12 ore di ammollo + 3 ore di cottura

Costo Costo:
Medio

Ingredienti

  • 1 kg Carne di cinghiale
  • 1 litro Aceto di vino rosso
  • 50 g Sugna
  • 50 ml Olio extravergine d'oliva
  • 1 Cipolla media
  • 1/2 cucchiaio Prezzemolo tritato
  • 2 foglie Alloro
  • Qualche foglia Salvia
  • 2 bicchieri Vino rosso secco
  • 2 cucchiai Conserva di pomodoro
  • q.b. Peperoncino piccante
  • q.b. Sale
  • 1 Limone
  • Un paio Timo, rametto
  • 1 Carota

Preparazione

Step 1

In una miscela di acqua e aceto in parti uguali unite limone e timo e tenetevi in ammollo la carne di cinghiale ben frollata per almeno 12 ore.

Step 2

Porre la sugna in una casseruola e soffriggervi la cipolla tritata unendo il prezzemolo, la carota, l'alloro e la salvia. Unire al carne di cinghiale e lasciarla rosolare da tutti i lati, bagnandola poi col vino, regolando di sale e lasciando proseguire la cottura a fuoco basso.

Step 3

Dopo circa un'ora di cottura unire la conserva di pomodoro allungata in poca acqua e il peperoncino pestato nel mortaio e lasciar completare la cottura per altre 2 ore circa.

Step 4

Al termine tagliare la carne a fette e servirla bagnata col liquido di cottura su un piatto da portata riscaldato.

Contenuti sponsorizzati

Commenti

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno