Questo sito contribuisce alla audience di

Scaloppine alla parmigiana

Le scaloppine alla parmigiana si preparano battendo la carne, infarinandola e friggendola brevemente in padella, successivamente ogni fetta verrà avvolta in una fetta di prosciutto prima ed in una di lattuga poi, cosparsa di parmigiano e cotta brevemente in forno prima di essere servita in tavola.

Portata Portata:
Secondi piatti di Carne (Vedi altre Ricette)

Cucina regionale Cucina regionale:
Emilia Romagna (Vedi altre Ricette)

Difficoltà Difficoltà:
Facile

Persone Persone:
4

Tempo Tempo:
50 m

Vino Vino:
Lambrusco di Maestri

Ingredienti

  • 4Fettine di vitello
  • 50 gFarina
  • q.b.Sale
  • q.b.Pepe
  • 60 gBurro
  • 150 gProsciutto crudo di Parma
  • 2 cucchiaiPrezzemolo tritato
  • 150 gParmigiano
  • 4 cucchiaiBrodo
  • 1 cespoLattuga

Preparazione

Step 1

Assottigliate le fettine battendole con un batticarne prima di passarle nel composto di farina, sale e pepe.

Step 2

Mettete una noce di burro in padella e quando si sarà sciolto rosolarvi le fettine di carne per 3 minuti da ambedue i lati.

Step 3

Staccate dalla lattuga le foglie più grandi lavandole delicatamente senza romperle e tamponandole per asciugarle con un panno pulito, poi avvolgete le scaloppine prima in una fetta di prosciutto e successivamente  in una foglia di lattuga, utilizzando qualche stuzzicadenti se necessario.

Step 4

Distribuite il parmigiano grattugiato sulle fettine rivestite dalle foglie di lattuga e cuocete la carne in forno per 240 °C per circa 8 minuti nel liquido di cottura allungato con un poco di brodo.

Step 5

Appena il formaggio sulla superficie inizierà a formare delle bolle togliete la carne dal forno e servitela subito bagnandola col residuo liquido di cottura. Accompagnate la carne con le foglie di lattuga non utilizzate.

Consigli

Le scaloppine alla parmigiana sono una ricetta nata in Emilia-Romagna dall'incontro tra tenerissima carne di vitello, prosciutto stagionato all'aria di Langhirano e parmigiano reggiano, prodotto secondo regole rigorose.La leggenda vuole che proprio in Emilia Afrodite invitasse gli dei a un festino nei boschi di Nazaria. Purtroppo, spossata da tutti i preparativi, la dea si addormentò tra i fiori di questo giardino e non sappiamo che cosa ne fosse poi stato del pranzo.

Commenti

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno