Cinghiale in agrodolce

Il cinghiale in agrodolce si prepara con della cipolla appassita con olio a cui aggiungeremo prezzemolo e mirto e che utilizzeremo come composto per il cinghiale tagliato a bocconcini e rosolato a fuoco medio. Ecco i passaggi per il cinghiale in agrodolce.

Portata Portata:
Secondi piatti di Carne (Vedi altre Ricette)

Cucina regionale Cucina regionale:
Sardegna (Vedi altre Ricette)

Difficoltà Difficoltà:
Media

Persone Persone:
4

Tempo Tempo:
10 minuti 50 minuti di cottura

Vino Vino:
Nebbiolo di Luras

Costo Costo:
Medio

Ingredienti

  • 800 g Polpa di cinghiale ben frollata
  • 1 piccola Cipolla
  • 10 g Zucchero
  • 1 cucchiaio Concentrato di pomodoro
  • 1 mazzetto Prezzemolo
  • q.b. Foglie di mirto
  • 1 cucchiaio Aceto di vino rosso
  • q.b. Sale
  • q.b. Pepe
  • 4 cucchiai Olio extravergine di oliva

Preparazione

Step 1

Mondata la cipolla, tritatela fine e fatela appassire adagio in casseruola (meglio se di terracotta) con 4 cucchiai d'olio.

Step 2

Unite le foglie d'un ciuffo di prezzemolo e altrettante di mirto ed il cinghiale tagliato a bocconi con un pizzico di sale: rosolatelo brevemente a fuoco medio.

Step 3

Quando ha preso colore, unite zucchero e aceto, che farete evaporare a fuoco vivace, rimescolando. Versate dell'acqua calda in cui avrete diluito un cucchiaio di concentrato, abbassate la fiamma, coprite il recipiente e lasciate sobbollire per 45 minuti, avendo cura di aggiungere altra acqua calda se necessaria.

Step 4

Scoperchiato il recipiente 5 minuti prima di terminare la cottura, fate ritirare adagio il sughetto e servite guarnendo di mirto e prezzemolo.

Contenuti sponsorizzati

Commenti

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno