Timballo di scrippelle

Il timballo di scrippelle si prepara mescolando uova, manzo, carciofi e mozzarella che verranno poi cotti in forno e serviti come un unico sostanzioso piatto. Il timballo di scrippelle è un piatto regionale abruzzese.

Portata Portata:
Piatti unici (Vedi altre Ricette)

Cucina regionale Cucina regionale:
Abruzzo (Vedi altre Ricette)

Difficoltà Difficoltà:
Facile

Persone Persone:
4

Tempo Tempo:
20 minuti 2 ore di cottura

Vino Vino:
Montepulciano d'Abruzzo DOC.

Costo Costo:
Medio

Ingredienti

  • 4 Uova
  • 2 cucchiai per uovo Farina
  • 1 bicchiere per uovo Acqua
  • 200 g Manzo macinato
  • 1 kg Pomodori
  • 4 cucchiai Olio di oliva
  • 3 Carciofi fritti tagliati a fettine
  • 3 Mozzarelle
  • 3 Uova sode a pezzetti
  • 100 g Parmigiano grattugiato
  • 1 Cipolla
  • A piacere Latte
  • q.b. Sale

Preparazione

Step 1

In una terrina amalgamare uova e farina diluendole con l'acqua (o a scelta con il latte) nelle proporzioni sopra indicate. Mettere sul fuoco una padella antiaderente, unta con un po' di strutto o di olio, e appena calda versare con un mestolo un po' di composto, cercando di coprire la superficie della padella; aspettare che si rapprenda e capovolgere la scrippella. Le scrippelle vanno cotte a fuoco basso.

Step 2

In una padella a parte versare due cucchiai d'olio e lasciare imbiondire la cipolla, unendo poi la carne e dopo qualche minuto anche i pomodori, lasciando asciugare il tutto. Ungere una pirofila con del burro e foderarla con le scrippelle avendo l'accortezza che fuoriescano le estremità.

Step 3

Mettere su ogni strato un po' di sugo, alcuni pezzetti di carciofi, un po' di mozzarella tagliata, qualche fiocco di burro, un po' di uova sode e una manciata di parmigiano.

Step 4

Continuare così fino ad esaurimento degli ingredienti. Ripiegare infine i lembi delle scrippelle che sporgono dalla teglia e coprire il tutto con altre due scrippelle bagnate di sugo e parmigiano.
Cuocere al forno caldo e a calore moderato (circa 160 °C) per circa 90 minuti o finchè il sugo si sarà asciugato, poi sfornare e servire subito in tavola.

Consigli

E' un piatto tipico della cucina Teramana per il periodo delle festività di fine anno ma anche per altri periodi come Pasqua e addirittura ferragosto.

Contenuti sponsorizzati

Commenti

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno