Questo sito contribuisce alla audience di

Gelatina di maiale

La gelatina di maiale è un piatto tipico della tradizione siciliana, consumato sopratutto nella provincia di Catania.
Viene preparata con i resti della lavorazione del maiale che vengono bolliti e una volta ripuliti del grasso uniti alle mandorle, allo zucchero e al mosto cotto.

Portata Portata:
Secondi piatti di Carne (Vedi altre Ricette)

Cucina regionale Cucina regionale:
Sicilia (Vedi altre Ricette)

Difficoltà Difficoltà:
Difficile

Persone Persone:
4

Tempo Tempo:
2 h

Ingredienti

  • 1 piedinoMaiale
  • Orecchio e musoMaiale
  • 100 gMandorle
  • 50 gUvetta sultanina
  • 30 gPinoli
  • 5Chiodi di garofano
  • 1 bicchiereAceto di vino rosso
  • 2 cucchiai per kgZucchero
  • q.b.Cannella in polvere
  • Qualche fogliaAlloro
  • 3 bicchieriMosto cotto
  • q.b.Sale

Preparazione

Step 1

Pulire il piedino, le orecchie e la testa di maiale, metterli in una pentola con molta acqua, unire due o tre foglie di alloro, sale ed i chiodi di garofano.

Step 2

Fare bollire per 4 ore schiumando spesso il brodo; la carne dovrà riuscire stracotta ed il brodo ben ristretto.
Nel frattempo immergere in acqua in ebollizione le mandorle, pelarle e tritarle grossolanamente.

Step 3

Quando la carne avrà terminato di cuocere toglierla dalla pentola, versare il brodo in un recipiente pulito e lasciarlo raffreddare. Ammorbidire in acqua tiepida l'uvetta per circa un quarto d'ora.

Step 4

Dopo una giornata levare con un cucchiaio tutto il grasso che sarà affiorato sulla superficie del brodo freddo. Disossare la carne, pesarla e dopo averla tagliata in minutissimi pezzi, unirla al brodo; rimettere il recipiente sul fuoco ed aggiungere l'aceto, due cucchiaiate di zucchero per ogni chilogrammo di carne, un pizzico di cannella, l'uvetta ben scolata, i pinoli, le mandorle triturate e qualche bicchiere di mosto cotto.

Step 5

Fare bollire per una quindicina di minuti e la gelatina sarà pronta; versarla allora nei piatti e lasciarla raffreddare. Decorare, volendo, con foglie di alloro e chicchi di melagrana.

Commenti

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno