Questo sito contribuisce alla audience di

Zeppoloni napoletani di San Giuseppe

Gli zeppoloni napoletani di San Giuseppe sono la risposta campana a quelli altrettanto saporiti della Puglia, con procedimenti molto simili e con piccole varianti aromatiche e nella farcitura.

Portata Portata:
Dolci (Vedi altre Ricette)

Cucina regionale Cucina regionale:
Campania (Vedi altre Ricette)

Difficoltà Difficoltà:
Facile

Persone Persone:
6

Tempo Tempo:
30 m + cottura

Ingredienti

  • 200 gFarina tipo 00
  • 4Uova
  • q.b.Olio di semi per friggere
  • 60 gZucchero
  • 1 pizzicoSale
  • 80 gBurro
  • 4 dlAcqua
  • 1 bustinaLievito vanigliato
  • 1 pizzicoEstratto di vaniglia in polvere

Preparazione

Step 1

Mettere a bollire l'acqua in un pentolino, assieme al burro ed al sale; togliere il pentolino dal fuoco ed aggiungere la farina mescolando con un cucchiaio di metallo. Rimettere il pentolino sul fuoco mescolando fino a quando l’impasto non inizia a staccarsi.

Step 2

Togliere l'impasto dal fuoco, lasciarlo raffreddare ed aggiungere lo zucchero passato al setaccio, le uova, la vaniglia e il lievito; con lo sbattitore a media velocità far amalgamare tutto in modo da formare un composto compatto e senza grumi.

Step 3

Oliare dei riquadri di carta alluminio e con una sacca da pasticciere formare su ogni pezzetto di carta degli anelli di pasta a spirale. Scaldare l’olio molto bene poi friggere le zeppole un paio per volta con tutta la carta alluminio che si staccherà al contatto con l’olio caldo. Le zeppole saranno pronte quando saranno dorate all’esterno e morbide all’interno.

Step 4

Mettere gli zeppoloni su un foglio di carta assorbente man mano che vengono fritti per eliminare l'eccesso d'olio.

Step 5

Una volta raffreddati farciteli con crema pasticcera e qualche amarena.

Consigli

Le zeppole sono diffuse in tutto il Meridione d'Italia e le ricette principali sono due: queste, che sono napoletane, e quelle di Bari, la cui ricetta riportiamo nella stessa rubrica. L'etimologia della parola (già attestata nel latino tardoantico dl VI sec) non è chiara: secondo alcuni rimanderebbe a “zeppa”, pezzetto di legno che si usa per chiudere una fessura o per correggere l'appoggio dei mobili; altri invece propendono per la derivazione dal nome Giuseppe. In Sardegna si preparano invece le zippulas, dolci preparati in occasione del Carnevale. Oggi le zeppole napoletane sono spesso preparate come i tortelli, quindi con l'impasto da choux fritto anziché cotto al forno. Questa che vi abbiamo proposto è invece la ricetta antica. Anziché preparare degli zeppoloni, potete fare con lo stesso impasto le…zeppoline: fate semplicemente ciambelle più piccine e, prima di cuocerle, punzecchiatele con i rebbi di una forchetta. Darete così all'impasto una caratteristica forma arricciata che è tipica, appunto, delle zeppole napoletane tradizionali.

Commenti

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno