Questo sito contribuisce alla audience di

Riso al salto

Il riso al salto si prepara cuocendo il riso in padella con la cipolla e lo zafferano e poi stendendolo e lasciandolo raffreddare. Ecco i passaggi per preparare la ricetta del riso al salto.

Portata Portata:
Risotti tradizionali (Vedi altre Ricette)

Cucina regionale Cucina regionale:
Lombardia (Vedi altre Ricette)

Difficoltà Difficoltà:
Facile

Persone Persone:
4

Tempo Tempo:
10 minuti 30 minuti di cottura

Vino Vino:
Franciacorta.

Costo Costo:
Medio

Ingredienti

  • 300 gRiso Carnaroli
  • 1 lBrodo
  • 4 bustineZafferano
  • 1 /4 lVino bianco secco
  • 100 gBurro
  • 1/4Cipolla
  • 100 gParmigiano grattugiato

Preparazione

Step 1

Imbiondite la cipolla con circa 10 g di burro in una casseruola, quindi aggiungete il riso, lo zafferano ed il vino bianco, mescolando energicamente.

Step 2

Cuocete per un paio di minuti ed aggiungete, poco alla volta, il brodo bollente, ogni volta che il riso si prosciuga. Dopo una decina di minuti spegnete e mantecate il tutto con il restante burro e formaggio.

Step 3

Stendete il riso su una placca da forno fredda in modo da bloccarne la cottura e, una volta diventato tiepido, sgranatelo con le mani e suddividetelo in 4 porzioni e fatelo cuocere in una padella con una noce di burro precedentemente sciolta.

Step 4

Cuocete per 3 minuti e, dopo averlo rigirato dalla parte opposta, procedete ancora per altrettanto tempo. Al termine impiattate e servite.

Consigli

Il riso al salto è una ricetta della 'vecchia Milano'. Cucinato con il riso avanzato, veniva preparato in grosse padelle nere che, per facilitare l'operazione di rigiro, venivano utilizzate ancora unte. Per friggere il riso, una volta l'olio era merce davvero preziosa e costosa, si utilizzava il burro o, ancora più economicamente, il lardo.
Per facilitarvi nel rigirare il riso, occorre che versiate dell'olio e del sale grosso (pulendo poi con un canovaccio) il fondo della padella. Nel caso adoperiate una padella antiaderente sarà sufficiente versarvi solo l'olio.

Commenti

Iscriviti alla newsletter!