Questo sito contribuisce alla audience di

Carpa al vino rosso

La carpa al vino rosso utilizza diversi ingredienti per insaporire un pesce che altrimenti non ne avrebbe troppo, la carpa infatti è un pesce d'acqua dolce e le sue carni non sono particolarmente gustose, per cui, una volta pulita, verrà spruzzata di succo di limone e farcita con patate, a parte verrà preparata una salsa di vino, cipolle e spezie che andrà versata poi sulla carpa prima della cottura in forno.

Portata Portata:
Secondi piatti di Pesce (Vedi altre Ricette)

Cucina regionale Cucina regionale:
Lazio (Vedi altre Ricette)

Difficoltà Difficoltà:
Facile

Persone Persone:
4

Tempo Tempo:
1h

Vino Vino:
Prosecco del Veneto.

Ingredienti

  • 1Carpa
  • 4 dlPinot nero
  • 6Cipolline fresche
  • 40 gBurro
  • 30 gFarina
  • q.b.Limone, succo
  • 1Patata cruda
  • 1Alloro secco
  • 1 cucchiainoPepe in grani
  • 1/2 bicchiereAcqua
  • 1Limone per guarnizione
  • q.b.Sale
  • q.b.Pepe

Preparazione

Step 1

Lavate ed asciugate la carpa con la carta da cucina, spruzzatela con il succo di limone e quindi salatela. Dopo che gli avrete introdotto nel ventre una patata cruda e sbucciata, sistemate il pesce (sulla pancia) in una teglia.

Step 2

In un altro recipiente portate intanto a bollore il vino, già diluito con l'acqua ed unito sia alle cipolle che alle spezie, e versatelo sulla carpa.

Step 3

Passatela poi in forno a 200° e fate cuocere per 40 minuti. circa, staccando al termine la spina dorsale. Non appena avrete sistemato il pesce su di un piatto caldo, allungate il sugo di cottura con acqua e vino rosso e filtrate. Impastate burro e farina, incorporate poco a poco l'impasto della salsa e quindi fate bollire per 8 minuti. Al termine salate e versate la salsa sul pesce.

Step 4

Potete guarnire con fettine di limone e servire con delle patate bollite o purè di patate, con una insalata fresca.

Consigli

Simbolo della fertilità (la femmina può deporre fino ad un milione di uova), la carpa era apprezzata anche nell'antichità, essendo uno dei piatti favoriti dagli antichi romani.

Commenti