Gnocco fritto alla modenese

Lo gnocco fritto è una specialità modenese realizzata con pasta di pane dal cui composto si ricaveranno dei rombi da farcire poi con salumi, formaggi ma anche dolci. Scopri come preparare facilmente la ricetta del gnocco fritto.

Portata Portata:
Antipasti (Vedi altre Ricette)

Cucina regionale Cucina regionale:
Emilia Romagna (Vedi altre Ricette)

Difficoltà Difficoltà:
Facile

Persone Persone:
4

Tempo Tempo:
5 minuti 15 minuti di cottura

Costo Costo:
Economico

Ingredienti

  • 1 kg Farina
  • 70 g Strutto
  • q.b. Acqua minerale gassata
  • 2 cucchiaini Sale
  • q.b. Olio per friggere
  • q.b. Latte

Preparazione

Step 1

Setacciate la farina e impastatela con lo strutto. Unite il latte, il sale e l'acqua minerale frizzante.

Step 2

Lavorate questo impasto fin tanto che risulti liscio e omogeneo.

Step 3

Stendete l'impasto in una sfoglia dello spessore di mezzo cm. Tagliate la pasta a rombi o a quadrati di circa 5-6 cm. di lato.

Step 4

Prendete un tegame alto e stretto e versatevi l'olio per friggere. Aggiungete lo strutto e portate a temperatura. Immergetevi i pezzi di pasta che avete preparato e friggeteli avendo cura che siano dorati da ambo le parti. Scolateli su carta assorbente da cucina.

Step 5

Servite immediatamente lo gnocco fritto ben caldo. Accompagnatelo con salumi vari e formaggi proprio come vuole la tradizione.

Consigli

Si può sostituire lo strutto con 2-3 cucchiai d'olio d'oliva (anche se non è la stessa cosa). Se mettete lo strutto nell'impasto è consigliabile friggere lo gnocco con l'olio. Se viceversa mettete l'olio nell'impasto è consigliabile friggere lo gnocco con lo strutto. Lo gnocco alla modenese è un' antica tradizione per la città e dintorni. Bisogna dire che nei tempi passati ogni “REZDORA” aveva la sua ricetta e il suo ingrediente. È molto diverso da quello chiamato erroneamente gnocco che è sì un gnocco, ma si dovrebbe chiamare “gnocco lievitato,” visto l'utilizzo del lievito.Il vero gnocco alla modenese si gonfia moltissimo sotto l'effetto dell'acqua minerale gasata, ma senza lievito. Si gusta con i salumi i formaggi in genere, si può abbinare anche alla nutella per chi ama l'abbinamento dolce salato. Si sposa molto bene al lambrusco secco fresco di cantina. Per chi lo deve solo mangiare è buono in tutte le stagioni, anche d'estate, può rappresentare una merenda/cena , lo è un po' meno per chi lo deve impastare e ancora meno per chi lo deve friggere. In molti ristoranti viene fatto a piccole losanghe e servito come antipasto.

Contenuti sponsorizzati

Commenti

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno