Questo sito contribuisce alla audience di

Tajine

Il tajine è un piatto di carne il cui nome deriva proprio dal piatto in cui viene cotto, chiamato appunto tajine, l'agnello verrà disossato e fatto a pezzi poi rosolato in padella con gli aromi e le erbe aromatiche, poi verranno aggiunte le patate e il coriandolo fino a completa cottura del piatto che verrà servito con una guarnizione di mandorle.

Portata Portata:
Secondi piatti di Carne (Vedi altre Ricette)

Cucina internazionale Cucina internazionale:
Marocco (Vedi altre Ricette)

Difficoltà Difficoltà:
Media

Persone Persone:
6

Tempo Tempo:
1 h 30

Ingredienti

  • 1 kgSpalla d'agnello
  • 3Pere
  • 500 gCipolle giovani
  • 150 gMiele
  • 30 mlAcqua di fiori di arancio
  • 1 cucchiainoZafferano
  • 1 mazzettoCoriandolo fresco
  • 20 gUvetta
  • 30 gMandorle a scaglie tostate
  • 2 cucchiaiOlio extravergine
  • 1Bastoncino di cannella

Preparazione

Step 1

Prepariamo il tajine: Disossate la spalla di agnello e tagliate la carne a cubetti. Lavate con cura il coriandolo. Scaldate l'olio in una casseruola di terracotta, unite l'agnello e fatelo rosolare uniformemente, quindi aggiungete la cannella, lo zafferano, lo zenzero, l'acqua di fiori d'arancio e metà del miele. Mescolate e lasciate insaporire per 10 minuti.

Step 2

Fate rinvenire l'uvetta in acqua tiepida per 10 minuti. Mettete il rimanente miele in una padella e fatevi rosolare le pere sbucciate e tagliate in quarti.

Step 3

Versate nella casseruola un bicchiere di acqua ed aggiustate di sale e di pepe. Appoggiate il mazzetto di coriandolo sopra la carne e cuocete, sempre coperto, a fuoco basso per 40 minuti, quindi unite le cipolle e prolungate la cottura per altri 20 minuti.

Step 4

Aggiungete l'uvetta scolata e le pere rosolate nella casseruola, coprite e lasciate cuocere per altri 15 minuti dalla ripresa del bollore. Guarnite il tajine con le mandorle e servitelo.

Consigli

Potrete guarnire il tajine con le mandorle e servitelo direttamente nella casseruola di terracotta accompagnandolo con del couscous.

Commenti

Iscriviti alla newsletter!