Brutti ma buoni

I brutti ma buoni sono dei gustosi dolcetti emiliani preparati con mandorle tritate a cui si aggiunge mescolandolo zucchero a velo. Scopri come preparare facilmente la ricetta dei brutti ma buoni.

Portata Portata:
Dolci (Vedi altre Ricette)

Cucina regionale Cucina regionale:
Emilia Romagna (Vedi altre Ricette)

Difficoltà Difficoltà:
Facile

Persone Persone:
4

Tempo Tempo:
20 minuti 40 minuti di cottura

Vino Vino:
Moscato di Bertinoro

Costo Costo:
Economico

Ingredienti

  • 100 gMandorle tostate
  • 80 gZucchero a velo
  • 1 albumeUovo
  • 20 gZucchero semolato
  • q.b.Sale

Preparazione

Step 1

Tritate grossolanamente le mandorle, unite lo zucchero a velo e mescolate.

Step 2

Montate a neve l'albume con un pizzico di sale, unite lo zucchero semolato e il composto di mandorle e zucchero a velo.

Step 3

Distribuite il composto a cucchiate sulla placca del forno foderata di carta speciale.

Step 4

Cuocete in forno caldo a 130° per circa 40 minuti. Servite freddi.

Consigli

L'origine dei brutti ma buoni dovrebbe risalire all'Italia settentrionale, particolarmente l'Emilia.
Sono facilissimi da fare e il brutto del nome è dato dal fatto che non hanno una forma ben precisa.Quindi, se come recita il proverbio l'occhio vuole la sua parte non sarebbero da tenere in considerazione, ma sono molto buoni e tale bontà sopperisce alla bruttezza.

Commenti

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno